Mezza maratona: colore e spettacolo nel centro di Torino. E dominio agonistico keniano

Il Kenya domina la mezza maratona Santander di Torino, confermando la proprio egemonia nelle corse su strada nel mondo. Sono stati 7000 i partecipanti totali della due giorni di iniziative podistiche, che hanno preso il via sabato 16 aprile con la prima edizione della ‘Kids Run’ per i bambini fino a 12 anni – con oltre 1000 piccoli runner protagonisti tra due ali di folla in via Roma – e sono proseguite oggi, domenica 17 aprile, con le tre distanze 21 km, 10 km e corsa/camminata di 3km per la Ricerca.
Nell’affascinante percorso che ha toccato i monumenti più belli e gli scorci più emozionanti della città con partenza e arrivo in Piazza San Carlo, tutti gli iscritti hanno potuto partecipare a una vera e propria festa dello sport, qualsiasi fosse il proprio livello, raggiungendo insieme il traguardo più importante: contribuire alla ricerca dell’Istituto di ricerca sul cancro di Candiolo, come hanno fatto gli oltre 1.300 podisti della 3km guidata dalla madrina Cristina Chiabotto che hanno letteralmente invaso il centro con la t-shirt verde ufficiale.
Per quanto riguarda il risultato sportivo, nella 21 km maschile vittoria del keniano Jonathan Kosgei Kanda (1h03’38”), davanti ai connazionali Paul Tiongik e a Sylvain Rukundo. Il primi due atleti si stanno anche contendendo un posto per le prossime Olimpiadi di Rio.

 


Nella categoria femminile della 21 km ha trionfato Claudette Mukasakindi (1h18’06”), seguita da Elisa Stefani e Mina El Kannoussi.
Nella 10 km maschile, ha tagliato per primo il traguardo Paolo Gallo (32’13”) e tra le donne ha vinto Antonella Gravino (37’19”).
Un vero e proprio successo per questa seconda edizione della manifestazione che aveva come obiettivo quello di superare i numeri dello scorso anno e l’ottimo risultato di raccolta fondi con 28.000 euro donati alla Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro di Candiolo.