Al ToHorror si presenta The professor, il nuovo fumetto gotico dal cuore piemontese

The Professor, il nuovo eroe del fumetto horror italiano, sarà ospite mercoledì 12 ottobre alla sedicesima edizione del TOHorror Film Fest. Alle 19,30 al Blah Blah Cine/Club di Torino si svolgerà un incontro con gli autori della nuova serie gotica, che sarà in edicola dal 28 ottobre su territorio nazionale a novembre con il marchio “Erredi Grafiche Editoriali”.

Saranno presenti il torinese Giancarlo Marzano, già firma di Dylan Dog e sceneggiatore del numero zero di The Professor, Cristiana Astori, scrittrice di thriller per il Giallo Mondadori, originaria di Fossano e l’ideatore del fumetto, Andrea Corbetta sceneggiatore genovese. Durante la presentazione verrà distribuito in omaggio il numero zero e saranno proiettate tavole e trailer della serie ambientata nella seconda metà dell’Ottocento.

Marzano:

“Come nella migliore tradizione del fumetto italiano, anche The Professor trae dal cinema molte delle sue suggestioni, a partire dal volto del protagonista, ispirato all’iconico attore britannico Peter Cushing. Le atmosfere e i temi classici e contemporanei del cinema e della letteratura horror sono presenti in tutti i loro molteplici aspetti. Ma The Professor rivela la sua originalità e la sua autonomia di linguaggio presentandoci avventure che solo attraverso le peculiarità del medium fumetto possono assumere credibilità, mescolando i generi e le atmosfere per creare un mondo a sé, coerente e fedele al contesto storico delle vicende narrate e immaginifico allo stesso tempo. Il mondo di The Professor”.

Sul sito potete cominciare a farvi un’idea di chi è The professor

Docente di scienze esoteriche presso l’Univesity College di Londra, il protagonista della nuova serie “The Professor” è Benjamin Love. Il suo personaggio si cala nel genere horror-gotico e mistery con un profilo ispirato all’ attore britannico Peter Cushing, venuto alla ribalta alla fine degli anni Cinquanta con i film dell’orrore della casa produttrice Hammer. Dalle sue interpretazioni cinematografiche di Van Helsing, l’ammazza vampiri nel racconto di Stoker, nonché del Doctor Who e di Sherlock Holmes attinge il nostro professore con risvolti innovativi.

La seconda metà dell’Ottocento e l’Inghilterra vittoriana avvolta dai fumi delle sue contraddizioni sono l’epoca e l’ambiente in cui si muove il professor Benjamin Love. Sotto la patina di un periodo rigoglioso, all’avanguardia nell’industria, nella finanza e nella fotografia, si celano le scomode verità di un mondo sordido in cui dilagano sfruttamento, povertà, prostituzione e malavita. In questo contesto socio-culturale prendono vita le avventure di “The Professor”, che si districa tra corruzione e perbenismo, sentimento e ragione, magia-misticismo e scienza in un’atmosfera gotica inquietante. I personaggi che incontrerà sono figure conosciute e realmente vissute, mescolate con altre del tutto immaginarie sullo scenario di un’Europa misteriosa agitata da oscure pulsioni. Un humus epico, dove Benjamin Love, eroe suo malgrado è costretto all’azione.



In questo articolo: