Video sulla riabilitazione di non vedenti e ipovedenti proiettati nella metro di Torino

In tutte le stazioni della metropolitana saranno proiettati tre video realizzati dalla associazione APRI – Onlus per illustrare le potenzialità operative dei disabili visivi. Grazie ad un accordo con il Gruppo Torinese Trasporti (GTT) nelle prossime settimane verranno proiettati i video mirati ad illustrare il livello di autonomia raggiunto da alcuni disabili promuovendo l’importanza della riabilitazione visiva. I protagonisti dei filmati sono i soci dell’APRI Loretta Rossi, Michele Rosso e Vito Internicola.

L’APRI (Associazione Pro Retinopatici ed Ipovedenti onlus) di Torino, insieme all’artista Thomas Nadal Poletto, ha realizzato alcuni video che intendono lanciare, grazie ad attori ipovedenti e non vedenti, un messaggio ben preciso: chi non vede può effettuare moltissimi atti della vita quotidiana, così come chi vede. Se vedo, guardo con i miei occhi le icone dello schermo del mio smartphone; se non vedo, le immagino nella mia mente mentre le sfioro. Se vedo, cambio la ruota della mia bicicletta guardando il copertone, la camera d’aria e il cerchione; se non vedo, li sento con le mani. Se vedo, seleziono i programmi della lavatrice guardando il numero sul display; se non vedo, ne ascolto gli scatti di avanzamento. Se vedo, distinguo i fili elettrici in base al colore; se non vedo c’è un apparecchio che me li indica a voce. Non pensare, dunque, che un disabile visivo abile ed autonomo sia necessariamente un falso invalido!

Questo uno dei tre video proiettati nelle stazioni della metropolitana



In questo articolo: