Approvata la risoluzione Bresso-Brok per migliorare il funzionamento dell’Unione Europea

E’ stata approvata dal Parlamento Europeo la risoluzione Bresso-Brok, che ha l’obiettivo è migliorare il funzionamento dell’Unione Europea partendo dal trattato di Lisbona.

Mercedes Bresso, deputata al Parlamento Europeo per il gruppo S&D e cofirmataria della risoluzione racconta:  “Mai come in questo periodo storico è forte la richiesta di una riforma dell’Unione europea che la renda più forte, più vicina ai cittadini e più efficiente. Non è un caso che a farla da padrone sia il dibattito sul futuro dell’Europa, su un Europa a piu velocità e piu democratica. La governance della zona euro deve essere rafforzata attraverso l’introduzione di un pilastro sociale, armonizzazione fiscale, una revisione totale del fiscal compact e norme comuni su difesa, sicurezza e politica estera comuni. Il trattato di Lisbona è lo strumento adatto per cambiare l’Unione europea superando complessità e tempi richiesti da una modifica dei trattati internazionali”
Con l’approvazione di questa risoluzione anche il nostro Paese ottiene importanti risultati: si apre la via per la possibilità di introdurre gli eurobond o il fondo di redenzione attraverso il Fondo del rimborso del debito; viene introdotto il sussidio di disoccupazione europeo come proposto da ministro Pier Carlo Padoan; l’Europa rimarrà solidale perché viene respinta la proposta Schauble che avrebbe permesso il fallimento degli Stati membri. Anche di questo si parlerà a marzo a Roma in occasione delle celebrazioni del sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, il nostro Governo si faccia trovare pronto, l’Italia è uno degli Stati fondatori dell’UE e deve mantere il proprio ruolo all’interno dell’unione rafforzandolo, oltre che consolidandolo”



In questo articolo: