A Torino apre il caffè BiStrani gestito da persone affette da autismo

Venerdì 23 novembre inaugura ufficialmente il caffè vineria BiStrani in Via Sassari 1 a Torino, apertura alle ore 17.00. Si tratta di un progetto unico nel suo genere perché è un caffè vineria all’interno del quale operano persone affette da autismo.

E’ un progetto di inclusione sociale e di inserimento nel mondo del lavoro. Una sorta di “palestra per l’allenamento” degli adulti con autismo, che potranno fare pratica individuando le mansioni più adatte tra le oltre 50 disponibili.

L’intento è quello di fare emergere le capacità dei singoli e finalizzarle al conseguimento di un’alternativa all’intervento di tipo assistenziale, che tende a mantenere la persona nella sua condizione di disabile.BiStrani vuole al contrario proporre contesti ordinari dove acquisire autonomia e autosufficienza e inserirsi così nella vita reale facendo sentire i disabili parte integrante della comunità.

Caffè e Vineria potranno anche favorire il processo di integrazione con gli altri residenti del quartiere. L’obiettivo di medio termine è inserire, nel giro di due anni, tra i dieci e dodici adulti con autismo lieve e medio grave, con attività, tempi e orari personalizzati.

Il progetto è opera della onlus Autismo e Società



In questo articolo: