Il parroco distrugge due confessionali tutelati dalla Soprintendenza: erano tarlati

Guai per don Ugo Dei Cas, 65 anni, sacerdote della parrocchia di San Giovanni Battista di Pontecurone. Il prelato ha infatti distrutto due preziosi confessionali lignei dell’800, tutelati dalla Soprintendenza dei beni artistici. Nella chiesa sono in corso lavori di restauro e lui ne ha approfittato per far fuori quelli che riteneva essere due vecchi confessionali tarlati. Con il viceparroco ne hanno fatto legna da ardere.

Si è reso conto dell’errore solo quando la Soprintendenza ha chiesto che fine avessero fatto i due lavori lignei protetti. don Ugo si è scusato ma è stato comunque segnalato in procura e dovrà rispondere del reato di danneggiamento dei beni sacri e con ogni probabilità ripagare il danno.

Il vicario della diocesi, Monsignor Mario Bonati ha inviato una lettera a tutte le parrocchie della diocesi di Tortona per ricordare che i beni delle parrocchie non devono essere toccati e che dal 2005 sono tutti tutelati e quindi non possono essere neanche spostati senza autorizzazione.

(Screenshot Google Street View)



In questo articolo: