Eternit bis, Schmidheiny condattato a quattro anni per omicidio colposo

Stephan Schmidheiney è stato condannato a quattro anni di carcere per omicidio colposo. Questa la sentenza del processo Eternit bis per la morte dei due operai nello stabilimento di Cavagnolo in seguito all’esposizione all’amianto . Per Schmidheiney anche l’interruzione per cinque anni dai pubblici uffici.

La richiesta del pm Gianfranco Colace (che ha seguito la vicenda dall’inizio insieme a Raffaele Guariniello, ora in pensione) era stata di sette anni. La difesa ha annunciato appello. Il giudice ha riconosciuto anche un risarcimento per le numerose associazioni e parti civili, tra cui la Regione Piemonte, da liquidarsi in separata sede civile.



In questo articolo: