Torino, i vigili fanno togliere le locandine “NO ZTL” perché non in regola

Nella giornata di ieri, i vigili della polizia municipale di Torino hanno avviato una serie di controlli in centro mirati ai cartelli esposti nei negozi, nello specifico agli affissi “No ZTL prolungata e a pagamento” che non sono in regola. I fogli di formato A4, comparsi per contestare la nuova riforma progettata dalla sindaca Chiara Appendino, sono privi del timbro del comune e mancano del relativo pagamento delle tasse.

Durante i primi controlli, la polizia ha chiesto la rimozione dei cartelli in questione, informando su una possibile multa in caso di ripetuta affissione abusiva.

Su facebook il gruppo No ZTL contrario alla riforma che vuole estendere la zona a traffico limitato fino alle 19,30 facendo pagare l’ingresso dal primo gennaio del 2020, rivendica il suo diritto alla manifestazione del pensiero :

“NON si tratta di pubblicità (non invitiamo nessuno a fare o comprare o sottoscrivere niente). NON siamo un partito nè tanto meno un’associazione e quindi soggetti ad eventuali autorizzazioni (siamo un semplice comitato spontaneo, potremmo anche fondarne un altro di appassionati di pasta o pizza, che giuridicamente sarebbe la stessa cosa e lo potremmo scrivere dentro una vetrina). NON esprimiamo valutazioni sulla Giunta ma semplicemente, civilmente e democraticamente l’opinione di chi li espone senza offendere o provocare nessuno.”

Foto dal gruppo “No ZTL prolungata a Torino”



In questo articolo: