Salvini chiede di nuovo il legittimo impedimento per il processo di vilipendio alla magistratura: rimandato al 5 novembre

È la seconda volta che il ministro dell’Interno Matteo Salvini chiede, tramite l’avvocato difensore Claudia Eccher, il rinvio del processo che lo vede imputato per vilipendio alla magistratura. Dopo la prima richiesta a giugno di rinvio per un impegno al Quirinale, il ministro gioca di nuovo la carta del legittimo impedimento per un impegno istituzionale a Trieste. Il processo slitta al 5 novembre e il ministro dovrebbe comparire nell’udienza già programmata del 10 dicembre.

LEGGI ANCHE Salvini verso il processo a Torino per vilipendio della magistratura

Il procuratore capo di Torino, Armando Spataro, ha messo sotto accusa Matteo Salvini per alcune dichiarazioni pronunciate dal palco di un congresso della Lega che si è tenuto a Collegno nel febbraio 2016, quando l’attuale ministro dell’Interno ricopriva la carica di  europarlamentare.

Le parole incriminate sono: “Qualcuno usa gli stronzi che male amministrano la giustizia […] difenderò qualunque leghista indagato da quella schifezza che si chiama magistratura italiana che è un cancro da estirpare”. Esse si riferiscono a delle indagini sulle spese pazze dei politici in Liguria. Claudia Eccher deve dimostrare “la natura inoffensiva” delle parole del vicepremier e convocherà tra i testimoni anche un docente universitario, professore di Lettere e Filosofia.

Il processo penale, se si concluderà con una condanna, obbligerà Matteo Salvini a pagare una multa che va da 1000 a 5000 euro.

Foto di _ANGELO_TRANI