Famiglia accusata di abusi si suicidò nel 1996: gli psicologi sono implicati in Angeli e Demoni, dovete riaprire il caso

Il caso Angeli e Demoni, che coinvolge direttamente gli psicologi del Centro Hansel e Gretel di Moncalieri, riporta alla ribalta alcune situazioni del passato. Tra queste una che ebbe conseguenze clamorose nel 1996 nel biellese. Una famiglia di Sagliano Micca, incolpata di abusi sessuali, si suicidò: mamma, papà e i due fratellini. Si dichiararono innocenti, ma non vennero ascoltati. Straziante il biglietto lasciato prima del gesto estremo: “In una nazione in cui non c’è verità né giustizia non si può vivere”.

Forte la denuncia della psicologa Alessandra Lancellotti che all’epoca seguì la famiglia come consulente di parte: “Si basò tutto su una narrazione bugiarda, che ha distrusse un’intera famiglia nell’impossibilità di provare la propria innocenza. Ancora oggi molti bambini vengono portati via dai rispettivi genitori per presunti abusi sessuali falsi, al solo scopo di guadagnare da un grande giro di soldi e interessi, e di fatto distruggendo famiglie intere e la vita di bambini. Riaprire il caso di Sagliano Micca consentirebbe di metter luce alle responsabilità dell’epoca”.

La situazione del 1996 in provincia di Biella si ricollega drammaticamente al presente con l’inchiesta Angeli e Demoni (alterazione dei ricorsi di bambini, per sottrarli alle rispettive famiglie e per affidarli ad altre). All’epoca l’impianto accusatorio si fondava sulle perizie dei due consulenti Cristina Roccia, una delle psicologhe coinvolte nel caso “Veleno” (basato su accuse infondate di pedofilia e satanismo in provincia di Mantova) e Claudio Foti psicologo e direttore del Centro Studi di Moncalieri Hansel e Gretel, ex marito, oggi agli arresti domiciliari per l’inchiesta di Reggio Emilia Angeli e demoni.



In questo articolo: