La Città metropolitana di Torino al lavoro sulle #greenschool

Dopo aver aderito nei mesi scorsi alla campagna del Ministero dell’Ambiente per una corretta gestione dei rifiuti (in particolare per quanto riguarda la riduzione dei prodotti monouso in plastica) con l’approvazione delle linee guida di #PlasticFreechallenge, la Città metropolitana di Torino vuole ora estendere il messaggio #plasticfree al vasto mondo delle scuole superiori del territorio.
“Proprio le scuole superiori infatti saranno al centro delle nostre prossime iniziative – dice la consigliera metropolitana delegata ad istruzione ed ambiente Barbara Azzarà –perché oggi l’educazione allo sviluppo sostenibileassume sempre più importanzaall’interno dei programmi scolasticie anche della PA, quindi educare gli studenti, cittadini di domani, nell’attuare buone pratiche sostenibili è diventata un’esigenza primaria”.
La Città metropolitana lavora ad un bando per le #greenschool, con premi per scuole e studenti come la distribuzione ai ragazzi di borracce ecocompatibili per eliminare gradualmente l’utilizzo delle bottigliette di plastica normalmente utilizzate per acqua e bibite, ma anche di strumenti tecnologici.
A breve sarà pronta la prima edizione del bando “Ci basta un pianeta” per l’anno scolastico appena iniziato: il concorso premierà le esperienze divenute un modello di scuola innovativa, attiva nelle politiche locali ambientali.
“Stiamo lavorando non solo all’abolizione delle bottigliette di plastica nelle scuole superiori, ma anche all’installazione di erogatori di acqua potabile”, aggiunge Azzara’ che ricorda come il tema sia al centro anche dell’offerta formativa inserita nel nuovo catalogo Ce.Se.Di. il centro servizi didattici di Città metropolitana che a giorni sarà online a disposizione di tutte le istituzioni scolastiche della Regione Piemonte, grazie all’accordo con Regione e Ufficio Scolastico Regionale.
In programma tra l’altro 21 momenti di incontro, fra workshop e visite-laboratorio, realizzati nell’ambito del progetto di cooperazione transfrontaliera A.P.P. VER , Apprendere Per Produrre Verde, per l’integrazione della sostenibilità e della green economy all’interno dei percorsi curricolari.
Ai primi di ottobre la Città metropolitana divulgherà il calendario della formazione gratuita e riconosciuta.
“Auspico che i ragazzi, rispondendo alla nostra chiamata con “Ci basta un pianeta”, colgano l’opportunità per mettere in campo le loro idee che potranno essere realizzate a partire dalla propria scuola per poi essere esportate come modello in altri istituti”, conclude la consigliera Azzarà.



In questo articolo: