XX edizione di Manualmente, il Salone della Creatività: i temi e i progetti

Per la XX edizione di Manualmente, il Salone della creatività – in programma dal 19 al 22 settembre a Lingotto Fiere di Torino – sono numerosi i temi, le tecniche e i progetti realizzati in esclusiva per Manualmente e proposti dalle esperte di creatività per il pubblico della rassegna nel ricco programma di corsi e dimostrazioni.

Si conferma al Salone la presenza di Edizioni Lumina, una delle case editrici di settore più importanti, che propone un parterre di creative con un ricco programma di corsi. Tra di loro Chiara Broggian, Lucia Piazza, Gioia Sguario, Maela Pozza, Evi Bossanyi e Giuliana Alio che propongono tutti i tipi di infeltrimento, il cucito e il riciclo creativo, le tecniche pittoriche e molto altro, nei numerosi corsi e dimostrazioni per grandi e piccini. Il mondo carta vede come protagoniste la Cartapazza di Elena Marsico con la lavorazione della cartapesta giapponese, Di Carta e di Filo con Elisa Cosma che presenta corsi di legatoria innovativa e di recupero e alcuni divertenti laboratori di origami a tema natalizio.

Immancabile la tessitura di Augusta Moletto – artista tessitrice torinese, docente di Pedagogia Speciale all’Università di Torino – con tanti laboratori per grandi e piccini. Per il ricamo, per la prima volta Catia Sala, ricamatrice di talento che riesce a trasformare ago e filo in pennelli e colori tanto da realizzare dei veri e propri quadri ricamati. Le appassionate di patchwork potranno invece accomodarsi nel Quilt Shop di Hobby Cucito di Ersilia Rossi, rinomata attività torinese, per assistere a dimostrazioni tenute da esperte, tra le quali Paola Rebagliati, Marilisa Pirisi e Ornella Marelli Gallo che ogni giorno propongono corsi e dimostrazioni a tema (il giovedì “Quilt Celtico” con Paola Rebagliati, il venerdì “Meshwork” con Paola Rebagliati, il sabato “Tecniche patchwork per principianti” con Marilisa Pirisi, la domenica “Tecnica boro-boro” con Ornella Marelli Gallo). Per il cucito creativo, Adriana Porro con il suo Favoloso mondo di fiaba propone al Salone tanti nuovi progetti frutto della sua inventiva e fantasia e presenta il suo ultimo libretto titolato Creature Fantastiche, una nuova raccolta con quattro tutorial, uno dei quali è il tema per i corsi tenuti durante la manifestazione per imparare la tecnica della scultura ad ago e l’utilizzo della maglina elastica. Da non perdere, anche il progetto inedito Il coccolotto con libretto e tutorial.

Non mancheranno corsi per imparare tecniche antiche come la lavorazione al telaio e ago magico, una risalente al popolo egizio e l’altra legata al popolo Maya. Virna Suppo, knitter appassionata di tutte le arti manuali, ospite di Filati Tre Sfere srl, ci condurrà alla scoperta di queste due tecniche.

Tra i materiali duttili da modellare, simbolo di creatività, troviamo la cera d’api nelle creazioni di Ester Ferrera con tanti corsi per realizzare piccoli presepi e addobbi natalizi. Anna Maria Troncia porta invece la sua grande passione per il pirografo, con laboratori di introduzione alle varie tecniche. Monica Maglia alias Magliamò, torna al Salone con tante idee e laboratori per ‘plasticcare’ e divertirsi insieme. I corsi sono l’opportunità per accostarsi alla tecnica del plastic canvas, da adulti o da bambini, individuando ciò che più attrae: il tridimensionale, la forma, l’utilità dell’oggetto in un materiale diverso dal solito.

Piccoli Mondi

Questa edizione del Salone riserva, inoltre, uno spazio importante ai miniaturisti artefici dei ‘piccoli mondi’: operatori specializzati, creative, tanti materiali, workshop e dimostrazioni per imparare o migliorare nell’arte della miniatura, diffusa da secoli e ritornata di moda negli ultimi anni.

Tra i vari nomi, la miniaturista Francesca Guidotti, alias Una scala per sognare, partecipa per la prima volta al Salone, con tanti laboratori per realizzare fantasiose idee in scala 1:12 per personalizzare dollshouse e roombox.

La collezionista Angela Ribatti presenta al Salone la sua linea di miniature in stile moderno Mini Modern Style.

Angela si ispira alla realtà, se vede qualche mobile in un negozio di arredamento, lo fotografa e lo ricrea in scala 1:12. I mobili sono disegnati da lei e tagliati al laser, molte decorazioni sono invece create a mano o con la stampa 3D.

Daniela Marsella, alias Il piccolo mondo di Daniela, miniaturista per passione, realizza mobili e oggetti vari in stile shabby e moderno in scala 1:12 per dolls house e a Manualmente propone tanti corsi e dimostrazioni per affacciarsi sul ‘piccolo mondo’

Oltre 300 anni fa, in Europa, le dolls house erano veri e propri capolavori, che riproducevano ville e castelli in scala ma con minuziosa esattezza dei dettagli, dall’architettura agli arredi, arrivando anche a 2 mt di altezza. Per molto tempo, venivano realizzate solo da artigiani specializzati su committenza di persone facoltose, perché richiedevano ingenti dispendi di risorse, con il passare del tempo, questa passione ha contagiato un numero sempre maggiore di persone, divenendo anche economicamente abbordabile per chiunque voglia cimentarsi nella ricostruzione di piccole grandi realtà.

Col tempo, non solo le house, ma tutte le situazioni del reale sono divenute oggetto di ricostruzione, dove la cura e l’attenzione per la scelta dei materiali e per le dimensioni, diventano punto di orgoglio che differenzia il semplice appassionato dal vero e proprio artista.

Tessere ricordi

Torna anche il Museo dell’Arte della Lana di Stia con un’esposizione di manufatti tessili e tantissimi laboratori, tra cui la tessitura con le fotografie, novità davvero da non perdere. La foto o la stampa del cuore diventa parte di un arazzo tessuto a telaio, grazie alle indicazioni di Angela Giordano, che nell’ambito del Salone propone tantissimi workshop e dimostrazioni.

Tante le tecniche da conoscere o approfondire tra cui: ricamo bargello, trapunta o imbottitura, tessitura con telaio a tensione, macramè, ricamo alta moda, temari, dragon boats. ll Museo dell’Arte della Lana è situato nel complesso del Lanificio di Stia, in Casentino, restaurato dopo decenni di abbandono. Un cammino nella storia dell’arte della lana dai primordi della civiltà umana fino alla rivoluzione industriale e all’età d’oro del Lanificio di Stia. (www.museodellalana.it).

Creativi in erba

Manualmente dedica sempre particolare attenzione ai più piccoli con tanti laboratori per conoscere e imparare numerose tecniche creative con alcune delle esperte del settore. Tra i vari nomi Valentina Cinzia Vinci che esordisce al Salone con la sua Special Creativity, passione e fantasia per il mondo creativo declinata in un ricco programma di corsi destinato soprattutto ai più piccoli. Tante le tecniche che i creativi in erba possono sperimentare per realizzare piccoli manufatti e divertirsi imparando. Special Creativity è anche un laboratorio creativo, che nasce a Torino, nel 2012. Rivendita di materiale creativo, da settembre sarà presente anche la novità della merceria, oltre ai corsi per borse all’uncinetto e per il recupero del mobile con tecnica shabby



In questo articolo: