Omicidio di Stefano Leo ai Murazzi, la procura richiede il giudizio immediato per Said Mechaquat

La Procura di Torino ha chiesto il giudizio immediato per Said Mechaquat, reo confesso dell’omicidio di Stefano Leo, il giovane di Biella ucciso lo scorso 23 febbraio con una coltellata alla gola, in pieno giorno, in lungo Po Macchiavelli, nella zona dei Murazzi di Torino. “L’ho ucciso perché era felice”, aveva spiegato ai carabinieri, che hanno anche ritrovato l’arma del delitto, dopo essersi consegnato il 30 marzo successivo.

LEGGI ANCHE: C’è il DNA di Stefano Leo sul coltello ritrovato dai carabinieri in Piazza d’Armi