Ex Embraco, sciopero spontaneo bloccando la rotonda, i lavoratori chiedono un piano B

I lavoratori della ex Embraco hanno scioperato due ore e hanno manifestato bloccando la rotonda che da Riva di Chieri porta verso la fabbrica. La decisione è stata presa dopo le assemblee.

I lavoratori chiedono alla Regione di finanziare i pullman per l’incontro al Mise del 23 ottobre e al ministero di trovare un piano alternativo a quello di Ventures. “I lavoratori non credono più nel piano di questa proprietà, Invitalia trovi la soluzione alternativa prendendo il controllo della società”, afferma Ugo Bolognesi della Fiom. “E’ ormai evidente che serve un piano B – aggiungono Dario Basso e Vito Benevento della Uilm – che consideri uno o anche più soggetti capaci di far ripartire, questa volta per davvero, lo stabilimento di Riva. Tutti coloro che si erano presi la responsabilità di garantire la bontà del piano non devono sottrarsi alle proprie responsabilità nei confronti dei 400 lavoratori”.



In questo articolo: