Problemi al depuratore e cellulosa scaricata nel Rio Torto, la Burgo di Verzuolo ferma la produzione

Stop alla produzione da oggi per la Burgo di Verzuolo. Il fermo ai lavori si è reso necessario per un problema al nuovo depuratore, che ha dei malfunzionamenti e non impedisce lo scarico di residui di cellulosa nel Rio Torto. Da gennaio sono arrivate segnalazioni di acque biancastre e cattivi odori provenienti dal piccolo canale a valle della fabbrica che produce carta e Arpa è andata a verificare.

Si è così riscontrato un guasto al nuovo depuratore, che i tecnici sono riusciti a risolvere solo in parte. Così da oggi si è deciso il fermo alla produzione per permettere le riparazioni necessarie.

Il comunicato della Burgo recita:

Nell’ambito della fase di start up e sviluppo della cartiera di Verzuolo, si è resa necessaria, dopo alcune settimane di attività, una fermata produttiva per interventi sull’impianto di trattamento. La fermata sarà a partire da domani (oggi, ndr) per accelerare con i lavori.

Dall’Arpa intanto fanno sapere che le sostanze scaricate nel rio Torto non sono pericolose per l’uomo ma mettono a rischio l’equilibrio del corso d’acqua. Basteranno pochi giorni per ristabilire le normali condizioni dell’acqua.



In questo articolo: