La procura apre un’inchiesta sulla morte dell’uomo che faceva canyoning a Locana

La procura di Ivrea ha aperto un’inchiesta sulla morte di Ugo Peroglio, l’uomo di 55 anni morto ieri mentre faceva canyoning nel Rio Piantonetto sopra Locana. Peroglio era infatti molto esperto e il torrente utilizzato è alimentato da una diga, due particolari che prevedono alcuni doveri. Chi si appresta a discendere il torrente è tenuto a segnalare la propria presenza alla società che gestisce la diga. Allo stesso tempo la società è tenuta a segnalare i giorni e le ore in cui viene rilasciata l’acqua.

Peroglio e il suo compagno di discesa (che si è salvato) sono stati travolti da un’onda improvvisa, dovuta presumbilimente al rilascio di acqua dalla diga. La procura di Ivrea vuole verificare se tutto si è svolto secondo le regole o se qualcuno ha commesso un errore.