Anni di maltrattamenti in famiglia: arrestato un 35enne a Torino

La scorsa settimana gli agenti della Squadra Volante sono intervenuti in uno stabile in zona San Donato a Torino, allertati dalla segnalazione di un cittadino che racconta di una violenta lite tra un uomo ed una donna. Giunti sul posto, i poliziotti bussano all’appartamento dal quale sentono provenire delle forti urla. Un uomo a torso nudo, con le mani ed i pantaloni sporchi di sangue, apre loro la porta. Si tratta di un 35enne, il quale, in evidente stato di alterazione psico-fisica, nega subito qualsiasi tipo di litigio con la propria compagna. La moglie, in lacrime e spaventata, conferma la versione del marito. Separati i coniugi per ascoltare le diverse versioni, gli agenti effettuano dapprima un sopralluogo all’interno dell’abitazione, notando a terra i vetri rotti di una finestra, il cui balcone affaccia sul cortile condominiale.

Presso gli uffici di Polizia la donna racconta anni di violenze subite, episodi in cui l’uomo la aggredisce, afferrandola per i capelli, la trascina per alcuni metri, dopo averla scaraventata al suolo. In quell’occasione la vittima aveva subito delle profonde lesioni alla testa per cui era stato necessario un ricovero ospedaliero. Una volta dimessa era stata contattata da un ufficiale delle forze dell’ordine che le aveva domandato se fosse intenzionata a procedere contro l’uomo. Il marito, dopo aver ascoltato quella telefonata, le aveva requisito il telefono per alcuni giorni. Spaventata dalle minacce dell’uomo, la compagna aveva desistito dal compiere qualsiasi gesto. La vittima continua a raccontare di come il trentacinquenne l’abbia sempre tenuta in costante stato di sudditanza psicologica ed economica, impedendole di uscire dalla condizione di dipendenza in cui l’aveva ridotta. Ogni volta che la donna trovava un lavoro, il marito chiamava il suo datore per comunicargli l’impossibilità di proseguire per la necessità di attendere alle incombenze domestiche.

Domenica sera l’ultima aggressione: i due coniugi stanno rientrando presso la loro abitazione quando lui, ubriaco ed in preda ad un raptus di gelosia, ha una reazione aggressiva nei confronti della donna che le dice quindi di non voler tornare a casa con lui. L’uomo sembra inizialmente accettare di buon grado questa decisione, fingendo di andarsene, ma nel momento in cui la moglie si gira per raggiungere la rampa delle scale, questi si avventa su di lei, afferrandola per la maglia e trascinandola fino ad arrivare davanti la porta di casa. Con loro la figlia piccola che, dopo aver assistito all’aggressione, inizia a piangere e disperarsi. A questo punto la mamma approfitta di un momento di distrazione del compagno per entrare in casa con la minore e chiuderlo fuori dalla porta. L’uomo inizia dapprima a battere forte sulla porta per poi scendere nel cortile condominiale ed urlare a gran voce il nome della figlia per farsi aprire. Le due donne, che nel frattempo si sono rifugiate in camera da letto, sentono poco dopo un forte rumore di vetri rotti: il trentacinquenne, nel tentativo di rientrare, si era arrampicato su un tubo dello stabile ed, una volta arrivato sul balcone dell’abitazione, ne aveva infranto la vetrata.

L’arrivo degli agenti della Squadra Volante ha permesso l’arresto del 35enne per maltrattamenti in famiglia.