Ztl Torino, Sganga (M5S): “Ripensare un progetto non significa abbandonarlo”

Ieri, dopo la notizia della Giunta Comunale di rinunciare al progetto della Ztl Torino Centro aperto, la capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio Comunale, Valentina Sganga, in un post su facebook ha precisato che non si tratterebbe di una decisione definitiva, affermando che “ripensare un progetto, perché in mezzo c’è stata una pandemia mondiale che ha cambiato stili e abitudini nella mobilità, non significa affatto abbandonarlo”. E sottolinea che “la revisione della ztl centrale a Torino si farà”.

“Lo abbiamo già detto a luglio – continua – ma è bene specificarlo visto che i colleghi del Pd e della Lega hanno iniziato con una serie di post alquanto penosi e fuori della realtà.”

Il progetto della mobilità torinese, sempre secondo la capogruppo, comporterà la realizzazione di “un’infrastruttura per una tariffazione a consumo di accesso al centro” ovvero “un sistema flessibile che, utilizzando telecamere in ingresso e in uscita, permetterà di pagare la sosta in base a quanto tempo effettivamente parcheggiato. Allo stesso modo anche il transito, che miriamo a disincentivare, sarà soggetto ad un costo”.

Infine Sganga chiude la sua nota con una frecciatina alle opposizioni alle quali vorrebbe “ricordare che loro in vent’anni non sono neanche riusciti a modificare una ztl sperimentale di tre ore!”



In questo articolo: