Langa in lutto: morto a 90 anni Olivio Cavallotto, fu uno dei primi a vinificare le proprie uve a Castiglione Falletto

Castiglione Falletto è in lutto per aver perso all’età di 90 anni Olivio Cavallotto, che nel 1946, insieme al fratello Gildo iniziò a vinificare le uve in proprio. “Era il 1948 quando nostro papà Olivio ha messo la prima etichetta Barolo Cavallotto su una bottiglia” ricordano i figli Alfio, Giuseppe e Laura, che ora guidano l’impresa di famiglia alla Tenuta Cavallotto. Sono la quarta generazione di viticoltori, che raccolgono le uve del rinomato Bricco Boschis, dicitura entrata in etichetta nel 1967.

Non abituato a stare sotto i riflettori, Olivio Cavallotto si è però impegnato nella vita pubblica e nelle istituzioni del territorio. Consigliere comunale a Castiglione Falletto, fu anche vicepresidente di Coldiretti Cuneo e socio fondatore del Consorzio del Barolo e Barbaresco e dell’Albeisa, l’associazione produttori vini albesi.

Da cinque giorni Olivio Cavallotto era ricoverato all’ospedale di Verduno per le complicazioni del COVID-19, dopo essere stato trovato positivo.