La storia della rovesciata di Carlo Parola diventata copertina dell’album delle figurine Panini

Di rovesciate famose nella storia del calcio ce ne sono tante. L’ultima in ordine di tempo è probabilmente quella splendida trasformata in gol da Cristiano Ronaldo con la maglia del Real Madrid in Champions League a Torino contro la Juve (il giorno in cui forse nacque l’idea di trasferirsi sotto la Mole).

La rovesciata più iconica è però senza dubbio quella di Carlo Parola del 15 gennaio 1950. La partita è Fiorentina – Juventus e l’intervento di Parola è un intervento difensivo. Con un’acrobazia sorprendente lo juventino evita che la palla arrivia Pandolfini all’ultimo minuto di gioco.

Quel gesto atletico si sarebbe perso nel racconto orale dei presenti se il fotografo Carlo Banchi non avesse colto perfettamente l’attimo con il suo obiettivo (un solo scatto, niente macchina fotografica digitale, niente scatti a raffica…). La foto di Bianchi è perfetta e se ne innamora il giovane Giuseppe Panini, che ne acquista i diritti di utilizzo e nel 1965 la trasforma nella copertina della sua raccolta di figurine dei calciatori, regalando a quel gesto l’immortalità.

Il 15 gennaio 2021 quella foto e quella fotografia hanno compiuto 71 anni, quest’anno, il 21 settembre, Carlo Parola festeggerebbe i 100 anni dalla nascita.