Fermato dalla polizia in stato di ebbrezza, aggredisce la compagna e gli agenti: arrestato

Domenica sera gli agenti del Commissariato Centro stavano pattugliando l’area di competenza quando hanno notato una coppia discutere animatamente all’interno di un’autovettura in movimento così hanno pensato di procedere a un controllo per assicurarsi che fosse tutto a posto. L’auto imboccava il controviale di corso Regina Margherita e in quest’occasione tamponava un veicolo in sosta, ma ciò nonostante l’uomo alla guida non arrestava la marcia. Quando i poliziotti hanno fermato il veicolo si sono resi immediatamente conto che il guidatore era sotto l’effetto di abuso di alcool, questo palesato dall’alito vinoso, dai toni di voce alti e dal fatto che una volta uscito dall’abitacolo barcollava. L’uomo si è rifiutato più volte di sottoporsi ad esame con etilometro e quando la compagna lo ha invitato a calmarsi quest’ultimo l’ha aggredita verbalmente e quando la donna, visibilmente scossa, ha provato ad allontanarsi da lui, l’uomo l’ha abbracciata forte tirandola e stringendola a sé per poi darle un morso sulla guancia. Gli agenti sono immediatamente intervenuti mettendo in sicurezza la signora e quando quest’ultima ha manifestato di non voler rientrare a casa con il compagno e di volerlo lasciare a causa della sua forte gelosia lui ha aggredito i poliziotti nel tentativo di raggiungerla. Nasceva una breve colluttazione e una volta a terra l’uomo ha dato in escandescenze provando più volte a battere la testa sull’asfalto, ma uno degli agenti è riuscito a frapporre le sue mani tra il capo dell’uomo e il selciato per proteggerlo.

Il 42enne italiano è stato arrestato per resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale, avendo causato agli operatori lievi traumi agli arti e al torace, e denunciato all’Autorità Giudiziaria per lesioni a danno della compagna e per il rifiuto sull’accertamento dello stato di ebrezza. Inoltre la Patente di Guida veniva ritirata ed il veicolo sottoposto a sequestro penale.