Controlli anti Covid a Pasqua e Pasquetta a Torino: decine di sanzioni per mobilità ingiustificata

Nei giorni di Pasqua e Pasquetta, i controlli della polizia si cono concentrati a Torino soprattutto nelle zone della movida (San Salvario, piazza Santa Giulia, piazza Vittorio Veneto, Quadrilatero e vie limitrofe), con un’azione specifica anche nei principali parchi cittadini, all’aeroporto di Caselle e negli scali ferroviari.

Rilevato un generale rispetto delle norme anti-Covid. Molte le persone che svolgevano attività sportiva, ridotta la circolazione stradale. Non ci sono stati episodi di assembramento significativi.

Fra le oltre 3000 persone fermate, si sono registrate alcune decine di sanzioni, principalmente per mobilità ingiustificata. Una quarantina i locali commerciali controllati: un minimarket in zona San Paolo è stato sanzionato e chiuso cinque giorni. A Borgo Po, nove giovani di età compresa fra i 20 e i 22 anni sono stati sorpresi a festeggiare un compleanno all’interno di una villa privata, e multati.

Interrotta ieri notte, alle 2 e mezza circa, anche una festa in via La Salle, fra undici persone non residenti. Di questi, oltre alle sanzioni Covid, tre cittadini sudamericani sono stati denunciati per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale.

Al Valentino, sequestrati quattro carrelli abbandonati da venditori ambulanti abusivi, con 127 bottiglie di birra e 28 di altre bevande analcoliche. Uno dei venditori, datori alla fuga, è stato successivamente sorpreso mentre vendeva alcolici e sanzionato per un importo di 5164 euro.



In questo articolo: