Al Mufant Note di Paura: in mostra la musica dei film di Dario Argento

Con la ripartenza dei musei, il Mufant, nuovamente aperto da giovedì 29 aprile, inaugura Note di Paura, la nuova mostra temporanea ospitata nella rinnovata sala gotica, e LE VENTI GIORNATE DI TORINO, spettacolo di teatro d’ombre in replica tutti i venerdì di maggio e i primi due di giugno.
L’inaugurazione della mostra e la prima rappresentazione della rassegna teatrale sono previsti per venerdì 7 maggio in una giornata inaugurale con curatori, collezionisti e artisti.

La mostra: Note di Paura
Realizzata in collaborazione con lo scenografo torinese Giuseppe Garau e allestita con il contributo di studentesse e studenti dell’Accademia Albertina di Torino, la sala gotica che ospita la mostra riapre al pubblico in forma totalmente rinnovata. In una scenografia immersiva che riproduce un classico cimitero gotico inglese inaugura Note di Paura, un viaggio attraverso le colonne sonore dei film del grande regista del thriller italiano: Dario Argento. La mostra temporanea, curata da Silvia Casolari e Roberto Attanasio in collaborazione con Terra di Goblin, espone materiale discografico da collezione delle musiche del maestro Ennio Morricone, dei Goblin, del leggendario Keith Emerson, fino a Pino Donaggio e Giorgio Gaslini ossia quegli autori e compositori che con le loro colonne sonore hanno contribuito a rendere indimenticabili i capolavori di Argento: dai classici come Quattro mosche di velluto grigio, Phenomena, Suspiria fino ai più recenti come Jenifer, La terza madre, Il cartaio. In esposizione anche le suggestive fotografie realizzate da Franco Bellomo, fotografo di scena di Dario Argento, che ritraggono regista, attori e attrici sui set dei diversi film. La mostra espone parte della collezione di Roberto Attanasio, patron del sito Terra di Goblin e grande collezionista di materiali discografici, in particolare dei Goblin, il gruppo progressive rock italiano legato a doppio filo a Dario Argento per aver composto le musiche di numerosi suoi capolavori, a partire proprio da Profondo rosso. In esposizione LP 33 giri in edizione limitata e 45 giri da collezione, stereo8, CD, musicasette e memorabilia degli oggetti più iconici delle pellicole, dalla maschera di Demoni, al mad puppet di Profondo rosso, alla piuma di pavone di Suspiria.

Lo spettacolo: LE VENTI GIORNATE DI TORINO
Spettacolo per ombre e voce
Tutti i venerdì dal 7 Maggio al 4 Giugno 2021 – Ore 18,00-19,00

Sempre venerdì alle ore 18,00 la sala proiezioni del museo si trasforma in un piccolo palcoscenico. Viviamo un tempo in cui la Cultura sembra essere diventata un luogo di utopia, lontano e irraggiungibile, per quanto, proprio adesso, urgente e necessario. In tutto ciò, i Teatri sono stati fra i contesti culturali che più hanno pagato le conseguenze delle restrizioni prodotte dalla pandemia.
Fra le tipologie di sopravvivenza, in questi tempi difficili, ci sono sicuramente gli spettacoli sulle piattaforme online, ma, all’estremo opposto, anche quelli minuscoli, economicamente sostenibili, con più facilità a trovare luoghi per ricrearsi e più idonei a rispettare le regole di sicurezza sanitaria.
Chiusure, ingressi contingentati e misure di sicurezza hanno reso difficile la programmazione culturale, un vuoto al quale si può cercare di rispondere con proposte capaci di aprirsi a nuovi scenari e strategie, affatto sostitutivi dei tradizionali cartelloni, ma in grado di arricchire l’offerta artistica della città.
Si fa quindi forte l’esigenza di trovare nuovi luoghi, oltre a quelli ‘tradizionali”, dove l’incontrarsi sia sicuro, fattibile, e ricco di significato e d’appartenenza.
Esclusi gli allestimenti complessi, si tratta quindi di orientarsi verso produzioni più agili, di piccole dimensioni, da camera, pensate per un esiguo numero di spettatori e per spazi privi di strutture di supporto scenografico.
Un tipo di spettacolo difficile da fermare, capillare, itinerante, non associato a una sede convenzionale, ma piuttosto a un rito di partecipazione che si possa fare ovunque, senza bisogno di nessuna struttura per esistere se non di un po’ di buio e di qualcuno che ascolti.
I Musei, come già accade all’estero, potrebbero essere i luoghi ideali per accogliere questo esperimento di contaminazione e arricchimento reciproco, soprattutto se quello che si vuole rappresentare ha un’attinenza con l’anima del percorso museale.
L’ultimo spettacolo di Controluce Teatro d’Ombre, che sarà messo in scena al Mufant sempre venerdì 7 maggio alle 18,00, creato in questo periodo di emergenza, è tratto dal romanzo di Giorgio De Maria ‘Le venti giornate di Torino’ racconto distopico e profetico che parla di una società stremata in preda ad un misterioso ed agghiacciante fenomeno di psicosi collettiva. Il testo è stato pubblicato in sordina nel 1977 e riscoperto, attraverso straordinarie coincidenze e dopo la morte dell’autore, nel 2017 in America ottenendo un grande successo. Il romanzo, un noir con aspetti fantascientifici, ripubblicato in Italia per Frassinelli, trova nel teatro d’ombra un perfetto accompagnamento visivo e nel Museo uno spazio elettivo per contenerlo e presentarlo.
Quale luogo migliore quindi per accogliere uno spettacolo che mette in scena una storia la cui trama è ricca di spunti ancora attuali profondamente inquietanti che vanno dalla molto discussa profezia dei social network ai poteri oscuri che manovrano la realtà?
Insieme, Controluce e Mufant, saranno in prima fila per raccontare, attraverso una lettura delle 20 giornate di Torino, il periodo storico che stiamo vivendo, che è in ultima analisi un grande evento di fantascienza contemporanea.

Regia: Corallina De Maria
Sagome originali: Corallina De Maria
Scenografia: Alice Delorenzi
Musiche originali: Umberto Fantini
Produzione: Controluce Teatro d’Ombre
Durata: 50 m circa
Biglietto: 12 euro comprensivo di spettacolo e visita al Museo
Consigliata la prenotazione: info@mufant.it indicando la data prescelta
Date spettacoli: 7,14, 21, 28 Maggio e 4 Giugno ore 18,00
Capienza massima per ciascuno spettacolo 12 persone



In questo articolo: