L’Università di Torino è tra le prime 500 al mondo nel Qs World University Ranking

L’agenzia britannica Quacquarelli Symonds ha pubblicato il QS World University Ranking, forse il più noto e prestigioso ranking internazionale. L’edizione 2021-2022 vede un netto miglioramento in classifica dell’Università di Torino nonostante l’ulteriore allargamento della graduatoria, si è passati da 1000 a 1300 università classificate, con 145 nuove entrate, e gli effetti della pandemia da Covid-19.

UniTo è risalita di 36 posizioni rispetto all’edizione precedente e si colloca al 485° posto al mondo, quindi entro le prime 500 cui è data evidenza singola nella classifica (dopo le università sono presenti in classifica per fasce) risultando 13° in Italia su 41 atenei. L’Università di Torino raggiunge quindi il top 37% a livello mondiale, facendo segnare la sua migliore performance di sempre. Nella scorsa edizione l’Università di Torino si collocava nella fascia 520-530. A livello italiano il migliore Ateneo italiano risulta essere il Politecnico di Milano, collocato alla 142° posizione mondiale, seguito dall’Università di Bologna e dalla Sapienza Università di Roma.

I parametri valutativi di QS prendono in considerazione la reputazione accademica (che pesa il 40%), la reputazione delle aziende (10%), il rapporto studenti per docente (20%), le citazioni per docente (20%), l’internazionalizzazione dell’ateneo nel suo corpo docente (5%) e studentesco (5%). Considerando solo il parametro della reputazione accademica, fondamentale per la classifica, l’Università si colloca al 245° postoa livello globale (guadagnando 25 posizioni rispetto all’edizione precedente), mentre per l’indicatore citazioni per docente raggiunge il 327° posto al mondo (ben 32 posizioni in più rispetto all’anno scorso).

L’Università di Torino migliora quindi i suoi risultati nel ranking nonostante gli effetti della pandemia, effetti che sono stati più pesanti soprattutto per molti atenei internazionali che hanno fatto registrare un abbassamento del valore mediano delle performance.