Mauto apre in via straordinaria il 24 giugno a San Giovanni con visite gratuite

In occasione della Festa di San Giovanni, il MAUTO sarà aperto dalle 10 alle 21 (ultimo ingresso consentito alle ore 20). Per la giornata dedicata al patrono di Torino l’ingresso sarà gratuito per tutti. La prenotazione non è obbligatoria ma consigliata.

Vi ricordiamo inoltre che – fino al 30 giugno – è valida la promozione per i ragazzi dai 6 ai 26 anni che potranno visitare il museo alla tariffa speciale di 5 euro . Seguiteci su social e sito per rimanere aggiornati sulle iniziative che il MAUTO ha in programma per voi.

Attualmente sono presenti tre mostre temporanee.

La Forma del Futuro è uno straordinario percorso espositivo che racconta, con il contributo di 16 esemplari d’eccezione, l’innata capacità di Pininfarina di immaginare il futuro e dargli forma anticipando i tempi e dettando le tendenze. Una selezione di prototipi di ricerca, dream car e vetture esclusive che testimoniano il genio espresso dalla casa di design italiana più famosa al mondo nel corso di tre generazioni e oltre 90 anni di storia, con un approccio progettuale che, combinando stile e funzione, ha segnato l’evoluzione dell’automobile.

Una mostra monografica dedicata a Caty Torta, l’artista, la donna, capace di interpretare ruoli “ordinari” con spirito libero e innovativo per il suo tempo. Una selezione di 16 opere, archivi e bozzetti appartenenti alla collezione privata del figlio saranno esposti insieme ad alcune delle auto sportive che l’hanno accompagnata in “gara” e nella vita. Un percorso espositivo articolato fra le esperienze cardine della ricerca di Caty: le Mille Miglia, Casorati, l’Avanguardia Torinese e Parigi, attraverso l’evoluzione del suo segno pittorico, dalla formazione alla maturità artistica. Anticonformista e moderna, Caty Torta, è ancora oggi un modello di emancipazione e determinazione in grado di trasmettere il suo incondizionato amore per la Libertà.

Il MAUTO celebra il cinquantesimo compleanno di una della Fiat più amate e di successo: la piccola e ancor oggi moderna 127.  È l’occasione di rendere uno speciale omaggio anche alla figura del suo designer, Pio Manzù. La sua visione sul tema della mobilità, la sua cultura nel disegno industriale sono, anch’essi, di particolare attualità. Accanto alle vetture, una ricca selezione di disegni, modelli e progetti che Pio Manzù realizzò durante la sua vita, breve ma straordinariamente feconda. Dalla celebre lampada Parentesi (realizzata insieme ad Achille Castiglioni nel ’68), alla rivoluzionaria Autonova FAM del ’64 (primo monovolume della storia moderna), al prototipo del City Taxi su meccanica Fiat 850.