La procura di Aosta ha aperto un’inchiesta per le due amiche morte assiderate sul Monte Rosa

È stato aperto un fascicolo dalla Procura di Aosta per la morte delle due amiche, Martina Svilpo e Paola Viscardi, assiderate sul Monte Rosa dopo che i soccorsi, per una bufera e il difficile rintracciamento, le hanno trovate dopo dieci ore. Per ora l’inchiesta è senza indagati e senza ipotesi di reato. Il pm responsabile del fascicolo è Manlio D’Ambrosi.

Non è stata disposta l’autopsia sul corpo delle due escursioniste rimaste bloccate dal maltempo a 4.150 metri di quota sotto la Pyramide Vincent. Unico superstite del gruppo è Valerio Zolla, colui che aveva chiamato per primo i soccorsi. L’uomo è stato trasportato in elicotttero in Svizzera dall’Air Zermatt.

Zolla aveva chiamato i soccorsi intorno alle 14:30, ma non sono riusciti a individuarli credendo fossero sul Balmenhorn, solo dopo una seconda chiamata arrivata al crepuscolo li aveva fatti trovare. Dalla prima chiamata al soccorso sono passati dieci ore.