Studentessa no green pass di Biella interrompe nuovamente lezione all’Università di Bologna

Si è presentata di nuovo a lezione di Psicologia cognitiva all’Università di Bologna la studentessa no green pass di Biella che nei giorni scorsi era stata protagonista di una discussione con la professoressa Luisa Lugli che ha portato all’interruzione della lezione. Questa volta è stata accompagnata da una ventina di altri studenti del gruppo “Studenti Unibo contro il green pass” asserendo che i professori stavano violando la Costituzione. I compagni di corso allora hanno chiamato la polizia per farla allontanare e proseguire con la lezione.

La madre della studentessa ha riferito nei giorni scorsi all’Ansa che “Silvia si è sentita braccata in aula e ora è insultata via social”. Dopo essere stata additata dalla docente la giovane è stata vittima di “aggressioni violente e inaspettate ricevute dai compagni di scuola e sui social”. “Per noi – conclude – questi controlli sono anticostituzionali e così la pensano gli studenti del gruppo di cui fa parte”.



In questo articolo: