Juventus, due ex manager non rispondono alle domande della Procura di Torino

Due ex manager della Juventus, Marco Re, convocato per oggi, e Stefano Bertola si sono avvalsi della possibilità di non rispondere all’interrogatorio della Procura di Torino sul caso della plusvalenze della Juventus.

“Le questioni in discussione — spiega il loro legale, l’avvocato Luigi Chiappero — sono essenzialmente di carattere tecnico e necessitano di una riflessione”.

Marco Re non è stato perquisito dalla Guardia di Finanza su ordine dei pm. “Nel 2015 la normativa è cambiata — continua l’avvocato Chiappero —. La valutazione, in sé, non è reato. C’è grande discrezionalità. Se ci sono risposte da dare, dobbiamo prima conoscere il contenuto delle contestazioni. Al momento non lo conosciamo”.

Il segretario organizzativo Paolo Morganti in forze alla Juventus dal febbraio 2019 era stato sentito martedì in un interrogatorio dei pm Mario Bendoni, Ciro Santoriello e all’aggiunto Marco Gianoglio durato due ore.