Borgaro Torinese: nonostante la revoca dell’Asl, il medico Giuseppe Delicati continua a firmare esenzioni dal vaccino

Nonostante il 31 dicembre 2021, L’asl To4, su proposta del Collegio arbitrale convocato dalla Regione Piemonte, gli abbia revocato la convenzione con il Sistema Sanitario Nazionale, nonostante la Procura di Ivrea stia indagando su di lui per procurato allarme e ad essere accusato di falso ideologico per centinaia di esenzioni dal vaccino Covid, continua imperterrito il “lavoro” del medico no vax Giuseppe Delicati a Borgaro Torinese.

Infatti già da ieri martedì 4 gennaio, centinai di persone si sono accalcate davanti il suo ambulatorio di via Roma 2 per ricevere il certificato di esenzione dalla somministrazione del vaccino contro il covid19.
Teoricamente il “dottore” non potrebbe più firmare ricette e assistere i suoi pazienti essendogli stata revocata la concessione, ma nei fatti Delicati continua a ricevere e visitare i suoi pazienti come libero professionista continuando a rilasciare esenzioni dal vaccino anti Covid.

Inoltre il Delicati sarebbe stato sospeso per sei mesi comminata dall’Ordine dei Medici di Macerata, albo a cui è iscritto. Ma il provvedimento non è esecutivo perché il dottore ha presentato ricorso alla Commissione centrale esercenti le professioni sanitarie di Roma.
Ora Federfarma sta inviando ai farmacisti una lettera in cui scrive di non ritenere valide le ricette dematerializzate con prescrizioni e i certificati per ottenere le esenzioni firmate dal medico no vax.