Firmato il protocollo d’intesa per 2.000 nuove possibili assunzioni nelle Rsa del Piemonte

Nella giornata di ieri, mercoledì 11 maggio, è stato firmato un nuovo protocollo d’intesa tra la Regione Piemonte e i rappresentanti dei gestori delle Rsa regionali. Il documento firmato dagli assessori alla Sanità e al Welfare, prevede la possibilità di ricollocare nelle varie sedi socio-sanitarie accreditate con la Regione Piemonte tutte le persone e gli operatori assunti durante la pandemia dal covid19 ma non assumibile dalla sanità pubblica.

La Regione, nelle figure dei due assessori si è detta piuttosto soddisfatta del nuovo accordo, soprattutto in merito alla disponibilità espressa dai gestori ad assumere i lavoratori che non potranno essere oggetto di riconferma all’interno del Servizio sanitario regionale, un modo per gratificare le persone che durante i momenti più duri della pandemia hanno aiutato le strutture a reggere l’urto.

Il protocollo è stato firmato dalle organizzazioni dei gestori AGCI Solidarietà Piemonte (Giuseppe D’Anna), AGeSPI Piemonte (Antonio Monteleone), ANSDIPP Piemonte (Andrea Manini), API Sanità Piemonte (Michele Colaci), Confindustria Piemonte Sanità (Paolo Spolaore), Confcooperative Federsolidarietà Piemonte (Maurizio Serpentino), Legacoopsociali Piemonte (Barbara Daniele).



In questo articolo: