Le famiglie piemontesi in difficoltà: spendono di più, risparmiano di meno. L’indagine Ires Piemonte

Nel 2022 aumentano in maniera significativa le famiglie che non riescono a far quadrare il bilancio: dal 39,8% al 52,3%, mentre tra il 2019 e il 2021 diminuivano.

Inoltre si riducono le famiglie che riescono a risparmiare qualcosa o abbastanza (era il 43,3% nella rilevazione svolta nel 2021 ed è calata al 33,2% nel 2022).

La quota maggiore delle famiglie che riescono a “quadrare appena il bilancio” si ha tra quelle che dichiarano di avere un tenore di vita medio. Questo è un segnale del deterioramento delle condizioni finanziarie delle famiglie lungo ampie fasce della distribuzione del reddito -e non solo per i redditi più bassi – e suscita preoccupazione in merito alle prospettive per i consumi in corso d’anno e nel prossimo futuro.

Inoltre, come l’anno scorso, anche nel 2022 è un po’ più alta la percentuale di chi deve fare debiti o attingere alle riserve, in particolare nelle fasce di età comprese tra 25 e 44 anni, che corrispondono ad una fase della vita in cui le spese sono elevate, soprattutto se si ha famiglia.

Questi dati si possono collegare alla fiammata inflattiva che dall’autunno scorso sta procurando aumenti consistenti in alcune voci di spesa rilevanti nei bilanci familiari.

In proposito, nel 2022 si segnala un aumento delle famiglie che hanno incontrato difficoltà economiche per le spese mediche, le bollette, l’acquisto di generi alimentari e i servizi alla persona.



In questo articolo: