Violenze e umiliazioni sui detenuti al carcere di Ivrea: 25 agenti indagati

Venticinque tra agenti penitenziari e medici indagati nell’inchiesta per le violenze nel carcere di Ivrea. Una terribile storia che si riferisce agli anni 2015 e 2016. Sono stati i detenuti a raccontare delle violenze subite nell’infermeria del carcere.

L’inchiesta è stata travagliata ed ha avuto una svolta solo dopo che la procura generale l’ha avocata trasferendola a Torino. Così i sostituti pg di Torino Giancarlo Avenati Bassi e Carlo Maria Pellicano hanno allargato le indagini arrivano a scoprire violenze ed umiliazioni.

Le accuse per gli ndagati, alcuni dei quali lavorano ancora ad Ivrea, altri sono stati trasferiti, sono di lesioni e falsi aggravati, perchè all’epoca dei fatti il reato di tortura non era ancora contemplato dal codice penale.



In questo articolo: