Concluso il restauro conservativo delle coperture del complesso dell’Abbazia di Staffarda

Mercoledì 5 ottobre si è tenuto, presso il borgo di Staffarda nel Comune di Revello, un evento di presentazione dei lavori di restauro e risanamento conservativo delle coperture del complesso abbaziale e di realizzazione di una nuova applicazione digitale a sostegno del turismo esperienziale in loco. I lavori, realizzati nel giro di soli otto mesi, sono stati resi possibili grazie a finanziamenti per circa 750mila euro ottenuti dalla Fondazione Ordine Mauriziano, proprietaria del bene e che ha cofinanziato gli interventi con una quota ulteriore pari al 20%, grazie al “Bando per la valorizzazione del distretto UNESCO piemontese” della Regione Piemonte.

Come è noto, Staffarda è inserita nel territorio della Riserva della Biosfera transfrontaliera MaB UNESCO del Monviso, gestita dal Parco del Monviso in collaborazione con il francese Parco del Queyras: proprio l’essere collocati in un Comune piemontese che rientra in un riconoscimento UNESCO (siti iscritti nella lista del patrimonio mondiale, elementi iscritti nella lista rappresentativa del patrimonio immateriale, riserve della biosfera, geoparchi, città creative) era requisito fondamentale per l’ammissione al bando. Alla conferenza di presentazione dei lavori hanno preso parte anche il Presidente del Parco del Monviso, Dario Miretti, il consigliere del Parco e vice-sindaco di Revello, Aldo Perotto, e due dei componenti italiani del Comitato di Coordinamento della Riserva della Biosfera transfrontaliera del Monviso – MaB UNESCO, Franco Audisio e Marco Osella.

«Staffarda ha presentato mercoledì importanti migliorie sotto il profilo della conservazione e della fruizione turistica, realizzate grazie a finanziamenti ottenuti grazie al fatto di essere situata all’interno della Riserva MaB – sottolinea con soddisfazione il Presidente del Parco del Monviso, Dario Miretti –. Si tratta di un’ottima occasione per ricordare come sia anche e soprattutto grazie a certificazioni internazionali come questa, che il Parco del Monviso ha reso possibile, che alcuni progetti di sviluppo locale possono essere premiati. Nello stesso bando regionale sono stati inoltre finanziate anche altre azioni, presentate da altri attori del territorio della nostra Riserva della Biosfera del Monviso: un plauso a tutti coloro che hanno lavorato per questi importanti risultati».

La Regione ha finanziato con 4,7 milioni di euro 12 progetti di recupero, restauro, ristrutturazione, rifunzionalizzazione e valorizzazione dei beni culturali presenti nei territori piemontesi che vantano un riconoscimento Unesco.

Gli altri beneficiari del bando regionale nel territorio della Riserva della Biosfera transfrontaliera del Monviso sono il Comune di Racconigi, che ha destinato i finanziamenti al restauro dell’Ala comunale, il Comune di Villafranca Piemonte, che li ha rivolti al restauro della Cupola della Chiesa della Beata Vergine, e il Comune di Revello, nel cui territorio si trova il complesso di Staffarda e che ha ottenuto ulteriori fondi per il recupero di altri beni rilevanti per importanza artistica ed architettonica sia in paese che, in qualità di capofila di un progetto, nelle vicine località di Scarnafigi e Cardé.

Il bando regionale, chiuso alla fine del 2020, aveva in dotazione 6,8 milioni: i rimanenti 2,1 non erogati in questa prima sessione di finanziamenti saranno stanziati su altri progetti.



In questo articolo: