Rapinano uno studente a Torino minacciandolo con una bottiglia rotta

Venerdì scorso, la Polizia di Stato ha tratto in arresto tre giovani indiziati del reato di rapina impropria aggravata in concorso.  Gli agenti sono intervenuti per la segnalazione di una rapina, in Corso Vittorio Emanuele II a Torino, ai danni di uno studente universitario che, mentre stava camminando su via Cesana, è stato prima avvicinato da un giovane con una scusa e successivamente accerchiato da altri due. A questo punto uno dei tre, dopo aver spaccato una bottiglia di vetro contro un cassonetto e averlo minacciato con la stessa, gli avrebbe sottratto i soldi, un orologio, delle cuffie ed il cellulare. Il trio si sarebbe poi allontanato su via Revello.

La vittima è stata aiutata da un passante a contattare le forze dell’ordine che in breve tempo hanno individuato i tre, di età compresa fra i 23 e i 28 anni, in via Di Nanni mentre cercavano di fuggire. Durante il controllo i poliziotti hanno rinvenuto lo smartphone, delle cuffie auricolari, l’orologio e la somma di 75 euro in contanti precedentemente asportati, riconsegnandoli al proprietario.

Il procedimento penale si trova attualmente nella fase delle indagini preliminari, pertanto vige la presunzione di non colpevolezza degli indagati, sino alla sentenza definitiva.



In questo articolo: