Ad Asti il calendario dell’avvento solidale fatto dagli anziani per i bambini in difficoltà

L’attesa del Natale, la magia dei giorni che lo precedono, le luci e le decorazioni… è questo il periodo dell’anno più amato dai bambini ma non tutti possono viverlo con la spensieratezza che la loro giovane età meriterebbe.

È pensando a loro che Orpea Italia, divisione italiana del Gruppo Orpea, attore di riferimento mondiale nella presa in carico globale e nella cura delle persone fragili, ha ideato il progetto “Insieme. Aspettando il Natale.” È da tempo che gli anziani ospiti delle rsa del gruppo stanno lavorando per creare con le loro mani dei calendari dell’avvento solidali destinati ai reparti infantili degli ospedali del territorio o a piccole associazioni locali che si occupano di bimbi con difficoltà fisiche, emotive o sociali.

Quadretti natalizi, lavoretti ai ferri, portachiavi, giochini e collanine hand made… 24 caselle da aprire, 24 regali da scoprire per vivere insieme un dicembre magico all’insegna della solidarietà.

Un calendario che fa bene due volte: ai “nonni” che lo creano ai “nipoti” che lo ricevono. Gli anziani sono, e devono sentirsi, utili e preziosi per la comunità. E così il loro tempo e le loro abilità si trasformano in un messaggio d’amore per i bambini in difficoltà.

Anche la provincia di Asti è protagonista dell’iniziativa: Casa Mia Asti donerà i suoi manufatti al Reparto di Pediatria dell’Ospedale Cardinal Massaia di Asti, mentre Casa Mia Rosbella di Nizza Monferrato (AT) ha scelto Il Piccolo Principe della Cooperativa La Strada di Costigliole d’Asti, una comunità educativa residenziale per bambini e ragazzi.

“Insieme. Aspettando il Natale è un’iniziativa che si coniuga con altre attività svolte durante tutto l’anno nelle nostre strutture e volte all’incontro intergenerazionale tra anziani e bambini. Un fattore arricchente che ha comprovati effetti positivi per entrambe le generazioni – racconta Alessandra Taveri COO Orpea Italia – In questo caso, oltre ai benefici che i laboratori di manualità hanno di per sé si aggiunge il valore immenso della finalità del lavoro, che per i nostri ospiti è stato determinante”.

 

Le RSA e le Cliniche di Orpea coinvolte nell’iniziativa sono:

Asti. Casa Mia Asti per il Reparto Pediatria Ospedale Cardinal Massaia di Asti.
Nizza Monferrato (AT). Casa Mia Rosbella per la comunità Il Piccolo Principe della Cooperativa La Strada di Costigliole d’Asti (AT).
Torino. Residenza Richelmy per Ospedale Regina Margherita di Torino.
San Maurizio Canavese (TO). Villa Turina Amione per Ospedale Regina Margherita di Torino.
Trofarello (TO) Casa Di Cura Villa di Salute per La Collina degli Elfi – Govone (CN).
Grugliasco (TO). Residenza Consolata per Associazione Amici di Minipuzzle di Torino.
Borgaro (TO) Casa Mia Borgaro per l’associazione di volontariato “Ospedale Dolce Casa ODV” che opera presso la S.C. del Presidio Ospedaliero di Ciriè (TO).
Novara. Residenza Mater Dei per Associazione Casa Alessia Onlus di Novara.
Belgirate (VB). Residenza Arcadia per l’associazione Merlino Onlus di Lesa (NO).
Segrate (MI). Residenza San Felice per la Parrocchia San Giuliano di Cologno Monzese.
Lentate sul Seveso (MB). Villa Cenacolo per l’Istituto Comprensivo Enrico Toti- scuola dell’Infanzia di Lentate sul Seveso.
Verdello (BG) Casa Mia Verdello per TAU Onlus di Bergamo.
Sanremo (IM). Residenza Julia per Centro di aiuto alla vita A.P.S. di Sanremo.
Venezia. Residenza Venezia per l’associazione Casa Nazareth “Amicizia” di Marghera.
Casier (TV). Casa Mia Casier per l’associazione ‘Per mio figlio’ che opera presso l’Ospedale di Treviso.
Maserada (TV). Residenza Tre Carpini per AILS Cooperativa della provincia di Treviso.
Trieste. Residenza Ad Maiores per Ospedale Burlo Garofalo di Trieste.



In questo articolo: