‘Ndrangheta, operazione Pioneer: confiscati beni per 4 milioni a commercialista di Torino

La Cassazione ha dichiarato inammissibili gli ultimi ricorsi presentati dalla difesa: è quindi irrevocabile la confisca di beni per oltre 4 milioni di euro a un commercialista di Torino coinvolto in una inchiesta di ‘ndrangheta svolta dalla Dia del capoluogo piemontese. Irrevocabile anche l’applicazione della sorveglianza speciale per quattro anni.

Il professionista era stato arrestato insieme a due esponenti di spicco della cosca Spagnolo di Ciminà (Reggio Calabria) operante in Piemonte, nell’ambito dell’operazione Pioneer.

Era emerso che l’uomo aveva creato sistemi di interposizione fittizia nella proprietà di beni e imprese a favore di esponenti di consorterie mafiose e a proprio beneficio; inoltre si occupava dell’organizzazione di schemi per organizzare sistemi criminali per la commissione di reati tributari, come l’emissione di fatture per operazioni inesistenti tra società collegate.

Tra il materiale confiscato in via definitiva, ed acquisito nel patrimonio dello Stato, vi sono due aziende ubicate in provincia di Torino e Lecce, quote di diverse società, 9 rapporti finanziari, 36 beni immobili ubicati nelle province di Torino, Aosta, Savona, Vibo Valentia e Lecce.