Tensioni al corteo No Tav di San Didero, lancio di lacromogeni

Momenti di tensione fra No Tav e forze dell’ordine in Valle di Susa al termine del corteo di questa mattina. Nella spianata di San Didero gli attivisti si sono avvicinati a un’area presidiata dalla polizia dando vita a una “battitura” delle transenne.

Alcuni si sono inerpicati su una montagnola e hanno scagliato dei sassi. Dal grosso dei manifestanti sono stati lanciati anche dei petardi all’indirizzo delle forze dell’ordine che hanno risposto con lacrimogeni.

Il corteo, cui secondo fonti No Tav avevano preso parte un folto gruppo di persone insieme a diversi amministratori locali, era partito dall’abitato di Bussoleno (Torino) in occasione dell’8 dicembre, data che il movimento carica di contenuti simbolici: nello stesso giorno del 2005 una manifestazione No Tav portò alla “riconquista” di un terreno a Venaus in cui doveva sorgere un cantiere della nuova ferrovia Torino-Lione. Il corteo era stato aperto dallo striscione “C’eravamo, ci siamo, ci saremo”.



In questo articolo: