Seguici su

Cittadini

Esplosione in una fabbrica a Volpiano, Cisl: “Sicurezza sul lavoro, serve una svolta”

Avatar

Pubblicato

il

L’ennesimo incidente accaduto ieri a Volpiano all’interno dell’azienda Providus, che ha coinvolto quattro operai, di cui due in modo grave, scuote ancora una volta il mondo del lavoro. I quattro feriti sono due operai interni e due esterni di una ditta di Milano. I due feriti più gravi, trasportati al Cto, hanno riportato ustioni rispettivamente sul 10% e sul 25% del corpo.

“Da anni – afferma il segretario generale della Cisl Torino-Canavese, Domenco Lo Bianco – chiediamo più prevenzione e più controlli per radicare nei posti di lavoro la cultura della sicurezza. Da anni invochiamo misure e strumenti più efficaci per arginare il fenomeno, ma il problema resta e si ripresenta sistematicamente in tutta la sua drammaticità. Guardiamo con fiducia al tavolo nazionale che si è aperto oggi con il governo, ritenendo indispensabili investimenti immediati in tecnologie, formazione e controlli. La maggiore produttività all’interno delle aziende non può affermarsi a scapito della salute e sicurezza dei lavoratori”.

Il tema della salute e sicurezza del lavoro è tra le priorità dell’agenda Cisl piemontese che proprio nella giornata odierna ha riunito nella sua sede regionale di via Sant’Anselmo, a Torino, gli operatori e i responsabili della sicurezza nei posti di lavoro per avviare un percorso formativo, che prevede da qui all’estate 7 appuntamenti mensili di approfondimento sulla materia dal titolo: “Viaggio tra i pilastri della sicurezza”.

“Rispettando gli impegni assunti con i nostri iscritti e con i lavoratori in generale e in attesa di capire anche come si svilupperà il confronto con il governo su questo argomento – sottolinea il segretario generale della Cisl Piemonte, Alessio Ferraris – abbiamo intrapreso un percorso formativo regionale per diffondere e sviluppare al meglio la cultura della prevenzione su salute e sicurezza nei luoghi di lavoro della nostra regione. Quando parliamo di incidenti mortali, infortuni e malattie professionali sul lavoro parliamo soprattutto di persone e della loro vita. Per questo, riteniamo fondamentale mettere in campo tutte le iniziative utili a preservare e difendere l’incolumità di chi lavora”.

In attesa dell’avvio del confronto tra Cgil Cisl Uil regionali e la Giunta Cirio proprio su questo tema, i sindacati guardano con attenzione all’incontro odierno di Roma sempre su salute e sicurezza. Da anni Cgil Cisl Uil sono impegnate in prima linea nella lotta alle morti bianche e nella riduzione degli infortuni sui posti di lavoro.

Attraverso la presentazione di piattaforme unitarie ai vari governi che si sono succeduti, i tre sindacati confederali hanno chiesto e continuano a chiedere provvedimenti e norme in grado di impedire i continui incidenti mortali e la crescita esponenziale di infortuni e malattie professionali. “Serve una vera svolta – conclude Ferraris – perché morti e incidenti hanno raggiunto un livello inaccettabile per un paese come il nostro che ama definirsi civile”.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News

Iscriviti qui per ricevere la nostra newsletter giornaliera

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *