Seguici su

Cittadini

Torino, riqualificato e inaugurato il parcheggio di via Stradella: segno di lotta al cambiamento climatico

La rinaturalizzazione delle superfici verso le abitazioni ha dato vita a nuovi spazi verdi e di sosta

Redazione Quotidiano Piemontese

Pubblicato

il

TORINO – È stato inaugurato questa mattina il parcheggio di via Stradella. Luogo oggetto di un intervento di adattamento in ambito urbano finalizzato a contrastare gli impatti locali del cambiamento climatico, quali ondate di calore e fenomeni di precipitazione intensa.

Al taglio del nastro erano presenti il sindaco Stefano Lo Russo, l’assessora alla Transizione Ecologica e Digitale Chiara Foglietta e il presidente della Circoscrizione 5 Enrico Crescimanno.

“Si tratta di soluzioni – spiega l’assessora Foglietta – che potranno contribuire a ridurre gli effetti delle isole di calore e delle piogge intense, ma allo stesso tempo consentiranno di avere spazi urbani più gradevoli e vivibili, favorendo un diverso utilizzo dello spazio pubblico”.

L’area è quella dove la vecchia ferrovia Torino – Ceres correva in trincea ribassata rispetto a via Stradella e dietro le case di via Giachino. Quando nel 1990 si coprì la sede ferroviaria, la nuova soletta fu in parte riqualificata con la realizzazione della Spina Reale e in parte dedicata a parcheggio in asfalto provvisorio, senza ombra né alberi.

L’asfalto e l’altezza della soletta sono stati la causa dei ciclici allagamenti delle case intorno, che si sono ripetuti in occasione delle forti piogge e per rimediare ai quali si è provveduto alla rimozione parziale della pavimentazione esistente, ripristinando la permeabilità per favorire così il drenaggio delle acque.

I lavori, su un’area di circa 2mila e 800 mq, hanno previsto la rimozione di 1400 mq di asfalto, senza togliere i posti auto a disposizione dei cittadini, e la sua sostituzione con pavimentazioni dall’alto potere riflettente della radiazione solare.

La rinaturalizzazione delle superfici verso le abitazioni ha dato vita a nuovi spazi verdi e di sosta con la messa a dimora di 46 alberi, oltre a centinaia di arbusti, erbe ornamentali e tappezzanti, restituendo alla popolazione un sito piacevole, ombreggiato e fresco.

All’interno delle nuove aree verdi con alberate ombreggianti, i cittadini potranno trovare a disposizione anche 5 panchine “smart” che producono energia solare, oltre ad attrezzature dedicate al fitness dove si può ricaricare il telefonino facendo attività.

La Scuola Primaria Giuseppe Allievo è stata coinvolta fin dall’inizio del cantiere: le alunne e gli alunni di sei delle sue classi hanno preso parte ad un percorso che, attraverso laboratori didattici, li ha orientati alla consapevolezza verso i cambiamenti climatici.

Una opportunità per conoscere temi così importanti e costruire con le giovani generazioni un mondo migliore: sono loro gli artisti autori dei disegni coloreranno e abbelliranno il piazzale nelle prossime settimane e hanno partecipato all’inaugurazione condividendo le loro riflessioni sui cambiamenti climatici.

Gli interventi, finanziati con circa 600.000 euro di Fondi REACT, rientrano tra le azioni previste nel ‘Piano di Resilienza Climatica’ che si prefigge tutta una serie di azioni per ridurre la vulnerabilità del territorio e delle persone ai cambiamenti climatici e sono accompagnati dalla campagna ‘Change To -cambia il clima, cambia la città’ che racconta le trasformazioni in risposta ai cambiamenti climatici.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *