Quantcast
Inaugurato a Valprato Soana il nuovo centro visitatori del Parco Nazionale Gran Paradiso

A Campiglia, frazione del Comune di Valprato Soana, sono stati presentati gli allestimenti del nuovo centro visitatori del Parco Nazionale Gran Paradiso denominato : L’uomo e i coltivi.

L’obiettivo del centro visitatori è quello di valorizzare e sottolineare la cultura locale e gli aspetti agricolo paesaggistici che caratterizzano il territorio del Parco, creando un percorso di visita che ripercorre la storia dell’agricoltura e mette in rilievo il ruolo dell’uomo nel suo rapporto con l’ambiente naturale in continua modificazione.

Il percorso di visita comprende una parete, che percorre il Centro in tutta la sua lunghezza, in cui si alternano pannelli a vista con pannelli a scomparsa, che fuoriescono dalla parete come ante scorrevoli, oppure come nicchie e ripiani, lasciando ai visitatori la possibilità di riflettere sulle tematiche connesse tra agricoltura, i territori montani e i suoi abitanti. Si prosegue poi all’esterno, in un’area di circa 2.500mq in cui a partire dall’autunno 2017 e nel corso del 2018 verranno realizzati percorsi didattici con pannelli illustrativi e verranno coltivate le specie agroalimentari tradizionalmente utilizzate nelle valli del Parco, nel rispetto dei cicli vegetativi delle piante e delle “buone pratiche agronomiche”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Centro è stato realizzato grazie al contributo di Regione Piemonte, Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT. Per la stagione estiva 2017 l’ingresso è gratuito e il Centro sarà aperto dal 15 luglio al 20 agosto tutti i giorni con orario 10-12.30 e 15-18.30 ( lunedì solo 15-18.30), dal 21 agosto al 31 agosto dal martedì alla domenica con orario 10-12.30 e 15-18.30 e a settembre solo la domenica con lo stesso orario.

Per il il Presidente del Parco, Italo Cerise: “Con l’ampliamento della rete delle strutture turistiche e di educazione ambientale, il Parco si propone di migliorare la conoscenza dell’area protetta e sensibilizzare il pubblico al rispetto dell’ambiente, incentivando forme di turismo sostenibile e favorendo così la nascita di attività legate alla cultura ed alle tradizioni alpine in sinergia con le iniziative esistenti sul territorio della Valle Soana”.

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram

TAGS: ,