Maltempo in Piemonte: le ultime notizie di di domenica 6 novembre 2011

Le ultime notizie sull’ondata di maltempo in Piemonte. Aggiornamenti costanti sulla situazione in Regione.

L’hashtag per i contenuti per i social network è #allertameteoPM – Numero verde Protezione Civile Torino 800444004 – Centrale operativa Polizia municipale Torino 0114606060

Gli aggiornamenti continuano sulla pagina di lunedì 7 novembre 2011

21:49 Questa notte la piena del Tanaro in provincia di Asti La vasta depressione sul Mediterraneo occidentale si va colmando progressivamente, pur continuando a convogliare un flusso di masse d’aria umide da est sulla nostra regione. Si prevede, per le prossime ore, ancora un limitato fenomeno piovoso sulla provincia di Asti che interesserà in particolar modo il sud dell’Astigiano. Nelle prossime ore le precipitazioni risultano essere di intensità generalmente debole o localmente moderata. Nella giornata di domani si prevede un’ulteriore attenuazione dei fenomeni, mentre dalla serata saranno nuovamente possibili precipitazioni localmente forti sul settore meridionale ed occidentale.
Il fiume Tanaro sarà oggetto di un colmo di piena, che transiterà nel territorio della provincia di Asti dal tardo pomeriggio di oggi 6 novembre; la condizione di piena perdurerà anche nella nottata. Le previsioni confermano che la piena, seppur con valori di moderata entità, produrrà contenute esondazioni in area golenale, mantenendosi, comunque, entro le arginature. Si avverte la popolazione di non sostare nei pressi dei corsi d’acqua e sui ponti, per non creare intralcio e pericolo al traffico.

19:15 Nelle prossime 12 ore le precipitazioni saranno ancora diffuse, di intensità generalmente debole o localmente moderata. Valori localmente forti potranno ancora interessare la fascia pedemontana tra Torinese e Cuneese. Nelle ore centrali della giornata di domani si prevede un’ulteriore attenuazione dei fenomeni, mentre dalla serata saranno nuovamente possibili precipitazioni localmente forti sul settore meridionale ed occidentale.

I livelli lungo l’intera asta del Tanaro rimarranno sui valori di moderata criticità. La portata del Po si manterrà su valori di moderata criticità, con possibili avvicinamenti ai valori di elevata criticità a monte di Torino; i livelli degli affluenti del Po a valle di Torino si prevede diminuiscano nelle prossime ore. La piena del Po a valle delle confluenze del Torinese raggiungerà il colmo con valori prossimi alle soglie di moderata criticità entro la fine della giornata, andando successivamente a diminuire. Si prevede che la portata del Po raggiunga il colmo a Torino nel corso della notte, con valori di moderata criticità.

19:10 L’aggiornamento appena diramato dal Centro funzionale regionale rileva che nelle ultime 12 ore sono state registrateprecipitazioni molto forti sulle zone pedemontane dal settore occidentale a quello sudoccidentale e forti sulle pianure del Cuneese e del Torinese. Deboli con valori localmente moderati altrove. I massimi nelle ultime 6 ore sono i 72.4 mm di Niquidetto (To) ed i 70.4 mm di Coazze (To) ed i 60.8 mm di Torino Giardini Reali. Nel pomeriggio la quota neve si è abbassata nel Cuneese e nel Torinese fino a 2000 m, localmente 1800 m, mentre è rimasta sui 2300 m nei settori settentrionali. A 2000 m alle ore 17.00 si misuravano 20-25 cm.

L’intensità delle nevicate si è ridotta nel Verbano, mentre è aumentata nei settori occidentali: mediamente tra i 2600 e i 2800 m l’altezza media del manto nevoso è al momento attuale di 130-150 cm . Alle ore 16.30 a Passo del Moro (Macugnaga, 2823m slm) e al rifugio Gastaldi (Balme, 2672 m slm) sono stati registrati 147 cm, 126 cm al rifugio Vaccarone (Giaglione, 2755 m slm), 134 cm al Colle dell’Agnello (Pontechianale, 2685 m slm.), 28 cm al Colle della Lombarda (Vinadio, 2316 m slm). Diffusi distacchi di valanghe, anche di medie dimensioni, sono da attendersi alle quote superiori ai 2600 m.

Si registra una situazione di moderata criticità lungo l’intera asta del Tanaro, con superamenti dei livelli di elevata criticità in alcune sezioni della Stura di Demonte (Fossano) e dell’alto Tanaro. I livelli del Po sono cresciuti nelle ultime ore particolarmente nel Torinese, raggiungendo valori prossimi all’elevata criticità a valle di Torino e alla condizione di moderata criticità a monte; valori superiori o prossimi all’elevata criticità sono stati registrati sul Pellice e negli altri corsi d’acqua del Pinerolese, attualmente in diminuzione. I livelli degli affluenti del Po nel Torinese (Dora Riparia, Stura di Lanzo, Orco, Malone e Dora Baltea) sono prossimi ai valori di moderata criticità.

19:00 Il CCISS comunica che è chiusa l’uscita A32 Torino-Bardonecchia di Rivoli/Rosta in direzione Torino per allagamento. Nel frattempo a Torino città alcuni isolati nella zona nord sono rimasti al buio.

18:50 “A seguito di un’attenta verifica delle condizioni del territorio e delle strutture scolastiche, e nell’ottica di evitare il più possibile disagi alle famiglie garantendo al contempo le indispensabili condizioni di sicurezza, si comunica che le scuole di ogni ordine e grado presenti a Borgaro saranno regolarmente aperte lunedì 07 novembre 2011″. Così in una nota il Comune di Borgaro, nel torinese. Materne e primarie di primo e secondo grado saranno a perte anche a Settimo Torinese, mentre resteranno chiuse le scuole secondarie.

18:41 La tangenziale sud è allagata, “estremamente pericoloso” il tratto Rivoli-Avigliana della A32. Inutilizzabile il ponte Carpanini di Borgo Dora, alzato per favorire il deflusso delle acque.

18:30 Sono circa 1.500 gli sfollati in Liguria e Piemonte a causa del maltempo. Sono i dati raccolti dalla Protezione civile attraverso le Prefetture delle province interessate dall’emergenza. Il numero maggiore di evacuati resta quello della provincia di La Spezia, dove sono circa 1.300 persone, la maggior parte delle quali però sono state allontanate dalle proprie abitazioni la scorsa settimana.

18:24 Arriva la conferma ufficiale della Provincia di Torino: domani tutte le scuole superiori a Torino, Nichelino, Moncalieri, Carmagnola e Ceva saranno chiuse.

18:14 Resterà chiusa domattina in via precauzionale la linea ferroviaria Pinerolo-Torre Pellice. Verrà sostituita da un servizio di autobus per permettere nelle ore diurne un monitoraggio sull’intera zona. Dopo di che potrà essere ripristinata.

18:10 Strada provinciale 589 dei laghi di Avigliana: chiuso il ponte di Trana.

18:00 A Torino è allagato il sottopasso tra corso Regina Margherita e corso Marche.

17:55 Un centinaio di persone residenti in uno stabile di Pianezza, nel torinese, sono state evacuate poco fa a scopo precauzionale per rischio allagamenti. La decisione di evacuare il palazzo, che si trova vicino al fiume Dora, è stata presa dall’amministrazione comunale poichè la struttura aveva subito alcuni danneggiamenti già in occasione dell’alluvione del 2000. Chiuso inoltre il ponte sul Sangone, in corso Roma a Moncalieri.

17:48 Chiuso il ponte di piazza Fontanesi sul fiume Dora, in vicinanza del cimitero monumentale.

17:45 A Torino si attendono 1100 metri cubi al secondo, circa la metà dei livelli del 2000 quando ci fu l’alluvione a Torino. In attesa della piena sono chiusi il ponte di Castiglione sulla strada 92, il ponte di Crescentino e il tunnel di San Mauro. Alle 18 è previsto un nuovo vertice in prefettura.

17:44 Secondo notizie rilanciate su Twitter il Sangone starebbe esondando in alcune zone di Nichelino raggiungendo gli scantinati delle abitazioni. Inoltre in zona via Roma (Crociera), sempre a Nichelino, le strade sono chiuse e allagate.

17:35 Viabilità deviata sull’autostrada A6 – A33. Allagamenti progressivi in tratti saltuari dal km 44+000 al km 96+000, con personale Anas sul posto. Progressivo brusco peggioramento delle condizioni viabili causa insorgenza di numerosi piccoli allagamenti dovuti a ruscelli di medio-piccole dimensioni e alla pioggia intensa. Sulla ss26 ”della Valle d’Aosta” allagamenti dal km 44+000 al km 48+000 località Cesnola (Settimo Vittone)-Carema e fondo stradale sdrucciolevole causa pioggia dal km 15+000 al km 47+000. Sulla altre strade statali il transito è regolare nonostante la pioggia battente. L’evoluzione della situazione in tempo reale è consultabile attraverso il sito www.stradeanas.it/traffico. L’Anas raccomanda a chi viaggia una guida prudente e il rispetto delle norme del codice della strada. Anas ricorda che l’informazione agli automobilisti è assicurata chiamando Pronto Anas 841.148.

17:30 Nonostante i continui richiami da parte delle autorità a evitare situazioni di pericolo, in  mattinata gli uomini della protezione civile hanno tratto in salvo due pescatori e invitato i canoisti scesi lungo il Po a non sfidare il fiume. Continua imperterrito il via vai dei turisti dell’alluvione che si avvicinano pericolosamente ai corsi d’acqua per osservare la piena.

17:19 E’ stato evacuato il padiglione Birago dell’ospedale Amedeo Savoia in corso Svizzera 164 a Torino, il più vicino al fiume: una settantina i pazienti trasferiti in altri ospedali della città, in particolare Maria Vittoria, Cottolengo e San Giovanni Bosco.

17:18 Riaperto il ponte sul Pellice a Garzigliana sulla provinciale 589, chiuso al traffico da questa mattina. Il passaggio delle auto sarà controllato dalla Protezione Civile.

17:10 E’ stato riaperto alla circolazione il raccordo che porta all’aeroporto di Torino Caselle. La chiusura si era resa necessaria per un allagamento. Il tratto interessato dal blocco alla circolazione era dall’ingresso del raccordo, in corso Grosseto, fino all’innesto con la tangenziale.

17:07 A causa del maltempo sono state disposte alcune limitazioni alla circolazione sulle strade statali e le autostrade della regione. Lo comunica l’Anas. Sulla ss21 ”del Colle della Maddalena” c’è la chiusura a tutte le categorie di veicoli in seguito alla chiusura da parte delle autorità francesi a causa neve dal km 55+000 (Argentera) al Km 59+708 (Confine di Stato). Inoltre l’allagamento al km 37+000 in località Sambuco, con un monitoraggio in loco. Sulla ss659 ”delle valli Antigorio e Formazza” è stata disposta la chiusura a tutte le categorie di veicoli, dal Km 38+200 al Km 40+000, in località Cascate Toce, nel territorio comunale di Formazza. Sulla ss231 ”di Santa Vittoria” c’è la chiusura precauzionale del ponte sul fiume Tanaro al km 16+300. Viabilità deviata su A33 ”Asti-Cuneo” con ingressi in località Govone e Castagnito. Cedimento banchina laterale al km 41+600 località discesa Orti, predisposto un restringimento di carreggiata. Anas segnala inoltre un progressivo ammaloramento del piano viabile in tratti saltuari, con personale Anas al lavoro. Sulla ss28 ”del Colle di Nava” chiusura precauzionale dal km 8+500 (Fossano) al km 10+ in prossimità del ponte sul fiume Stura in località Sant’Albano Stura.

16:58 Scuole chiuse domani a Perosa Argentina, Pomaretto, Roure, Fenestrelle, Pragelato, Dogliani e Savigliano.

16:43 Tredici famiglie hanno lasciato le loro abitazioni a Ghiaie, nel comune di Bricherasio. A Bobbio Pellice, la scorsa notte, è stato registrato il record delle precipitazioni piemontesi con 178 millimetri di pioggia.

16:40 E’ attesa per questa notte tra le 23 e l’una il colmo della piena del fiume Tanaro ad Alessandria. E’ quanto emerge dalla riunione del comitato comunale di Protezione civile e dell’unità di crisi che da giorni tengono sotto controllo la situazione dei fiumi e del bacino idrico del territorio. “Dal momento che il colmo della piena si verificherà con il buio – ha spiegato il sindaco di Alessandria Piercarlo Fabbio – abbiamo deciso di disporre per domani la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado. Questo ci garantirà livelli più bassi e conseguente minore congestionamento del traffico su strada assicurando il libero movimento dei mezzi di soccorso verso le aree interessate dalla piena”.

16:30 Da circa un’ora sta nevicando al rifugio Jervis, nella Conca del Prà di Bobbio Pellice. Quota neve: 1740 mt. Scuole chiuse anche a Prali e a Perrero, in Val Germanasca.

16:20 Tanaro: strada “fondovalle” chiusa tra Farigliano e Monchiero per l’elevato livello del fiume. A Torre Pelliceordinanza di evacuazione precauzionale per i residenti nelle abitazioni di via XX Settembre dal civico 9 all’11.

16:15 E’ iniziato nel primo pomeriggio a scopo precauzionale, il trasferimento di una novantina di cani ospitati nel canile municipale di via Germagnano. La decisione è stata presa in vista della piena dello Stura prevista per questa sera. Parte degli animali saranno ospitati in una struttura dell’Enpa mentre altri verranno sistemati in box appositamente predisposti in un altro canile. Chi può dare una mano per una sistemazione provvisoria dei cani chiami lo 0112624803.

16:10 “La situazione è in equilibrio ma l’allerta meteo durerà ancora fino a tutto domani”. Lo ha detto il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, al termine del vertice nella sala della Protezione civile regionale con il personale coinvolto a fronteggiare l’emergenza a cui ha preso parte il capo della Protezione civile Franco Gabrielli. Il governatore piemontese ha quindi rinnovato l’appello a tutti i piemontesi “a non circolare se non strettamente necessario e, soprattutto a non recarsi nei pressi dei corsi d’acqua, dei ponti e dei sottopassi e in tutte le zone che in questa situazione meteorologica sono oggettivamente pericolose”. Intanto, rientrata l’emergenza nell’alessandrino, ora l’attenzione della Protezione civile si concentra sui fiumi Pellice e Tanaroin attesa che in serata si verifichi l’innalzamento del Po.

16:00 Mentre si attende la piena del Po, prevista per stasera, è la Dora Riparia a preoccupare. Il ponte sul fiume in via Bologna, a Torino, è stato chiuso in via precauzionale ed è vietato l’accesso anche all’attiguo ponte pedonale. L’acqua ha ormai raggiunto un livello così alto che è a due metri dalla sede stradale. Sulle sponde del fiume, sul lungo Dora Savona, decine di curiosi che seguono l’evolversi della situazione. E a preoccupare è anche il ponte in prossimità di corso Regina Margherita, sempre nel capoluogo piemontese, all’altezza della ThyssenKrupp, uno dei punti più critici. Attualmente è presidiato dai carabinieri. La quantità d’acqua che scorre è simile a quella del 2008, quando in circa 6 ore caddero 220 millimetri d’acqua. La luce del ponte è a circa due metri e la furia delle acque sta trasportando grandi quantità di tronchi, arbusti e oggetti di ogni genere. Se la Dora dovesse esondare in questo punto allagherebbe, tra le altre cose, il parco della Pellerina.

15:53 Torre Pellice: chiusa al traffico la strada di Inverso Rolandi, direzione Pian Prà. Aperta solo ai mezzi di soccorso.

15:47 Qui la pagina con tutti gli aggiornamenti live sulla situazione del fiume Tanaro.

15:26 Chiuse le Statali 589 tra Pinerolo e Saluzzo all’altezza di Bricherasio e 161 in prossimità di Bobbio Pellice.

15:22 A Torino innalzato ponte del Sermig sulla Dora, possibile chiusura al traffico del ponte via Bologna.

15:20 Confermata la chiusura delle scuole in Val Chisone nei comuni di Villar Perosa, Perosa, Pinasca, Porte Pomaretto, Perosa, San Germano.

15:10 Guarda il video appello di Piero Fassino ai torinesi (fonte Repubblica.it)

15:05 Il sindaco di Alba, Alberto Marello, ha disposto per domani la chiusura di tutte le scuole cittadine, di ogni ordine e grado. Fanno eccezione l’asilo nido e il micro-nido comunali.

15:02 Il torrente Orco è esondato nelle campagne fra San Benigno Canavese e Foglizzo. Nessuna conseguenza per la popolazione.

14:58 Chiusa al traffico la strada di fondovalle che collega il Monregalese alle Langhe nel tratto che va da Farigliano a Monchiero.

14:52 Nelle prossime 12 ore le precipitazioni saranno ancora diffuse e localmente di forte intensità sulla fascia pedemontana compresa tra Torinese e Cuneese. I massimi locali più intensi (attorno ai 50-60 mm in 6 ore) sono previsti in particolare sulle zone delle Alpi Cozie e Marittime. I corsi d’acqua del Verbano, Vercellese e Biellese presenteranno livelli in diminuzione e al di sotto delle soglie di attenzione. I livelli lungo l’intera asta del Tanaro rimarranno sui valori di moderata criticità e l’onda di piena si propagherà da Alba fino ad Alessandria e successivamente alla confluenza con il Po. Le piene degli affluenti del Po nel Torinese (Pellice, Dora Riparia, Stura di Lanzo, Orco, Malone e Dora Baltea), i cui livelli raggiungeranno valori di moderata criticità, determineranno un innalzamento del livello del Po a monte di Torino con valori prossimi alla soglia di elevata criticità. Più a valle il Po crescerà durante l’intera giornata raggiungendo i valori di colmo a partire dalla serata.

14:39 Nella giornata di domani, lunedì 7 novembre, (fonte: bollettino Arpa e Protezione Civile Piemonte di oggi, ore 14) la situazione sarà in miglioramento. Continueranno in maniera diffusa  le precipitazioni ma saranno deboli o localmente moderate. La quota neve scenderà al di sotto dei duemila metri assestandosi fra i 1800 e i 1900 metri, situazione che dovrebbe alleggerire le situazioni di criticità nelle valli piemontesi.

14:35 Nel bollettino meteo quotidiano dell’Arpa e della Protezione Civile della Regione Piemonte emanato alle ore 14 viene indicata, per la giornata di oggi, una prosecuzione delle precipitazioni sui settori pedemontani con valori forti nelle valli del Torinese e del Cuneese nel corso del pomeriggio. Fortunatamente sia la quota neve (2100 metri) che lo zero termico (2400-2500 metri) sono in calo e dovrebbero “frenare” la ricaduta di acqua dalle quote più alte. La soglia di allerta resta alta poiché – come si legge nel bollettino – “sono attese locali condizioni di criticità per rischio idrogeologico”.

14:24 Le immagini dall’elicottero della piena del Po ad Alessandria.

14:21 Nel bollettino dell’Arpa e della Protezione Civile della Regione Piemonte emanato alle ore 13 di quest’oggi resta massimo (per le prossime 36 ore) il livello di criticità meteo nelle Valli Susa, Chisone, Pellice, Po, e Tanaro. In queste valli il grado di allerta è 3 ovverosia elevato. Nelle restanti zone del Piemonte il livello d’allerta resta a moderato (livello 2).

14.17 Rinviata per forti piogge Napoli-Juventus che si sarebbe dovuta giocare al San Paolo. Durante la notte sul capoluogo campano ci sono stati forti rovesci.

14:04 Continua l’emergenza maltempo nel cuneese. A quanto riferisce l’unità di crisi provinciale, che farà nuovamente il punto della situazione alle 15 nella sede della Protezione civile, sul fronte dei collegamenti ferroviari, Trenitalia ha comunicato la chiusura precauzionale della linea ferroviaria a Savigliano all’altezza del ponte sul Mellea. Rfi garantisce autobus sostitutivi fra Fossano e Cavallermaggiore. Risultano attualmente chiuse al traffico le seguenti strade provinciali: – S.P. n. 12 Fondovalle Tanaro: bivio S.P. 9 (Farigliano) al bivio S.P. 159 (Monchiero). Ordinanza di chiusura totale al traffico veicolare e pedonale dalle 15 del 5 novembre 2011 fino a revoca – S.P. n.589 dei Laghi di Avigliana: bivio Bela Rusin- Crocera di Barge . Ordinanza di chiusura totale al traffico veicolare e pedonale dalle ore 6,30 del 06 novembre 2011 fino a revoca.

14:02 Ad Alessandria piena del Po attesa fra le 16 e le 17.

13:59 Domani chiusura di tutte le scuole a Bricherasio, Bibiana, Saluzzo, Luserna San Giovanni

13:10 Il Presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta, ha provveduto a decretare, in accordo con la Prefettura di Torino, la chiusura per la giornata di lunedì 7 novembre 2011 di tutte le scuole di secondo grado della provincia di Torino. Ha quindi inviato una nota ai Sindaci affinché assumano, per le scuole di propria competenza, assumano analogo provvedimento. “Il protrarsi delle condizioni di criticità meteorologiche anche nella giornata di lunedì 7 novembre 2011 comporta che la viabilità venga riservata soprattutto all’azione dei mezzi di soccorso e non venga impegnata dalle ordinarie attività, con il rischio di pregiudicare l’azione di contrasto dei fenomeni di tutela della sicurezza della popolazione” ha detto Saitta.

12:55 A Torre Pellice sono state emanate le  ordinanze di chiusura delle strade: Via Bertenga, Via Martinat, via Pellice (ponte Blancio).

12:54 Secondo le ultime notizie la frazione di Inverso posta di fronte a Torre Pellice, sulla riva destra del Pellice in prossimità del Ponte di Bertenga caduto un’ora e mezza fa, sarebbe ora senza acqua potabile. Non dovrebbero esserci invece problemi per quanto riguarda la luce elettrica.

12.30 per le 12.45 è stato convocato a Torino un vertice straordinario con il capo della Protezione Civile Nazionale Franco Gabrielli nella sala operativa della Protezione Civile Regionale in corso Marche 79 per fare il punto sulla situazione maltempo in Piemonte: “Occorre recuperare un patto sociale tra le istituzioni ma è fondamentale assicurare il principio di autoprotezione dei cittadini – ha detto Gabrielli – Invito i cittadini a evitare di mettersi in situazione di pericolo. Solo il rapporto positivo tra istituzioni e cittadini ci potrà permettere di evitare di contare morti e feriti”.

12:40 Il numero verde della Protezione Civile per le emergenze in Piemonte è 800.444.004. 

12:39 Oltre al rinvio dello sciopero dei mezzi pubblici, sono state ufficializzate pochi minuti fa le chiusure di Università e Politecnico e la sospensione della zona Ztl.

12:32 I Murazzi del Po alle 11 di questa mattina.

12:26 Il sindaco di Alessandria Piercarlo Fabbio ha confermato la chiusura di tutte le scuole di ordine e grado (Università compresa) della città per consentire un più agevole movimento dei soccorsi.

12:18 I video delle piene a Casale Monferrato, a Luserna San Giovanni, ad Alessandria e a Torino.

12:16 Il torrente Chiamogna è esondato ai confini tra Bricherasio e Garzigliana, non lontano dalla confluenza nel Pellice. Chiuso il ponte di Montebruno fra Pinerolo e Cavour. Molte zone della Val Pellice sono a rischio isolamento.

11:58 Intorno alle 11:30 di quest’oggi è crollato il ponte della Bertenga di Torre Pellice. L’immagine.

11:46 Metropolitana Torino e Gtt vista l’eccezionalità delle precipitazioni delle ultime 48 ore ha annunciato il rinvio dello sciopero previsto per lunedì 7 novembre. Lo sciopero è rinviato a data da destinarsi. Il servizio di trasporto pubblico sarà dunque regolare.

11:35 Chiusi il ponte Ciambone e la Strada Provinciale 153 tra Torre Pellice e Angrogna. Secondo le ultime notizie anche il torrente Angrogna potrebbe aver esondato. Anche Nimbus conferma: “In questo momento la crisi maggiore riguarda il Pellice che ha raggiunto la piena straordinaria e crescerà ancora”.

11:28 I Servizi Educativi del Comune di Torino confermano per lunedì 7 novembre la chiusura dei nidi, delle scuole dell’infanzia comunali e delle scuole di ogni ordine e grado saranno a titolo precauzionale. 

11:20 Questa mattina l’Amministrazione Comunale di Alba ha comunicato che le strade ed i ponti nella zona di Alba sono tutti percorribili. Si prevede una diminuzione delle piogge nel pomeriggio. Il livello del fiume Tanaro continuerà lentamente ad aumentare fino a raggiungere il colmo di piena; peraltro, dalle informazioni pervenute da Arpa Piemonte, la piena non raggiungerà il codice di elevata criticità, ma rimarrà in moderata criticità. Per motivi di sicurezza è comunque severamente vietato sostare sui ponti.

11:08 L’ondata di piena del Po a Torino è prevista per le ore a cavallo fra il tardo pomeriggio e la prima serata. Ecco, nella Fotogallery di Quotidiano Piemontese, la situazione alle ore 17:00 di ieri pomeriggio, a Ponte Isabella. L’acqua era quasi al limite di esondazione nella zona dei Murazzi compresa fra Ponte Umberto I (corso Vittorio Emanuele II) e Ponte Vittorio Emanuele I (via Po). Vicino al livello di guardia anche il Po nel tratto compreso fra Ponte Umberto I (corso Vittorio Emanuele II) e Ponte Isabella (corso Dante Alighieri).

10:41 Il fiume Pellice è appena esondato in località Bricherasio. Erano state appena evacuate 18 famiglie residenti sulle rive del fiume in località Ghiaie.

10:21 A Casale Monferrato (Al) è stata emessa l’ordinanza di evacuazione per 200 persone. Identico provvedimento a Frassineto Po (Al) dove verranno evacuati 35 abitanti. Entrambi i comuni sono bagnati dal Po in prossimità del confine con la Lombardia.

10:18 Continua lo stato d’emergenza in Val Pellice dove sono da poco scattate le procedure di evacuazione delle borgate che potrebbero essere interessate da un’eventuale esondazione del Pellice, torrente che sta raggiungendo livelli di “piena straordinaria”. A monte di Bobbio Pellice, affluente di sinistra del Po, le precipitazioni della notte sono state di ben 178 mm. Problemi a Bricherasio, paese posto all’imbocco della vallata.

10:15 Ecco la cartina delle criticità nell’area del Torinese. La scala dei livelli di criticità va da 1 a 3. In buona parte della Provincia di Torino l’allerta di Arpa e Protezione Civile è massima.

10:12 L’Anas comunica che, per ultimare i lavori di ripristino dei giunti dilatatori, si rende necessario sospendere, da lunedì 5 a venerdì 11 novembre, la circolazione notturna per tutte le categorie di veicoli all’interno della galleria “Cittadina” della strada statale NSA 312 – Collegamento Est-Ovest di Cuneo, tra il Km 0 e il km 5 in entrambe le direzioni, in provincia di Cuneo. Tale provvedimento continuerà ad essere in vigore in orario notturno dalle ore 21,00 alle ore 06,00, a partire da lunedì 7 novembre 2011 a venerdì 11 novembre 2011. Durante le ore di chiusura il traffico verrà deviato sulla viabilità alternativa opportunamente segnalata in loco.

09:58 L’Amministrazione comunale di Alessandria ha annullato tutte le manifestazioni che avrebbero dovrebbero svolgersi quest’oggi per ricordare il 17esimo anniversario dell’alluvione del 1994. E’ stata anche annullata la partita di calcio tra Savona e Alessandria, programmata per oggi nella città ligure.

09:44 Sono state annullate tutte le regate di canottaggio del Trofeo internazionale Silver e Kinder Skiff, previste per questo primo week end di novembre. Lo ha annunciato Umberto Dentis, presidente della Reale società canottieri Cerea di Torino. A Torino erano arrivati per gareggiare più di novecento equipaggi, fra cui molti campioni olimpici, provenienti da 24 Paesi, che ora torneranno a casa. In vent’anni è la prima volta che la gara viene annullata. Tutto rimandato dunque al 2012.

09:39 In considerazione delle previsioni di piogge diffuse e persistenti anche per domani e l’inizio della prossima settimana, il Sindaco e il Presidente della Provincia di Torino – d’intesa con Prefetto e Presidente della Regione – hanno emesso questa sera un’Ordinanza che prevede per lunedì la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado della città di Torino. Con specifiche ordinanze sono stati chiusi anche i cimiteri e l’area dei Murazzi. Il flusso di Po, Dora e Stura è monitorato costantemente, così come tutte le sponde fluviali ed i ponti. In città tutti i servizi funzionano regolarmente e tutte le strade risultano percorribili. Tutti i trasporti pubblici cittadini funzionano regolarmente e saranno operativi anche lunedì.

09:32 La Provincia di Alessandria è la più colpita dall’ondata di maltempo iniziata venerdì. Allagamenti e smottamenti nelle zone dell’Ovadese e del Novese hanno reso necessaria la chiusura di alcune strade provinciali. Il numero delle persone evacuate o in preallarme è di circa 550 (200 solamente a Casale Monferrato).

09:27 Questa la situazione delle criticità dei fiumi piemontesi. Il Tanaro ha raggiunto la soglia di elevata criticità nel tratto inziale, compreso fra Garessio e Piantorre, nel Cuneese al confine con la Liguria. Anche a valle, dopo la confluenza di Cherasco con la Stura di Demonte si sta raggiungendo un livello critico. Nel Torinese i livelli di Po, Pellice e Dora Baltea sono in crescita ma la situazione resta di criticità moderata, anche in virtù di una tregua delle piogge nelle ore centrali della notte. Nel capoluogo i valori massimi dovrebbero essere raggiunti nel tardo pomeriggio o in serata.

09:19 Nella notte è stato evacuato un campo nomadi alla periferia di Alba. Le famiglie sono state allontanate dalle loro abitazioni poste sull’argine del Po e hanno trascorso la notte in una tendopoli fuori di casa. Grande il lavoro della Croce Rossa: 100 i volontari mobilitati in tutta la Provincia di Cuneo.

09:12 In vista delle piene dei fiumi Tanaro e Bormida 300 persone sono state evacuate, ieri, ad Alessandria. L’ondata di piena è prevista per questa mattina.

07:28 Il bollettino appena emesso dal Centro funzionale regionale annuncia che il posizionamento del centro della vasta depressione che interessa il Mediterraneo occidentale è avvenuto a latitudini inferiori rispetto a quanto previsto inizialmente, facendo registrare valori di precipitazione più bassi del previsto sul settore più settentrionale del Piemonte e convogliando la fascia più intensa sulla Francia. L’ingresso di aria fredda ha invece innescato precipitazioni a tratti anche molto forti sui settori occidentale e sudoccidentale. Tra i valori massimi registrati nella notte i 178 mm a Bobbio Pellice, 107 mm a Praly, 81 mm a Balme (To). La quota delle nevicate è stata intorno ai 2200-2300 in tutti i settori: a Passo del Moro (Macugnaga) si misurano 125 cm, al rifugio Gastaldi (Balme) 115 cm, al rifugio Vaccarone (Guaglione) 96 cm, al Colle dell’Agnello (Pontechianale) 96 cm. Nell’alto Tanaro (Garessio e Piantorre) i livelli idrometrici hanno raggiunto le soglie di elevata criticità. A valle della confluenza con la Stura di Demonte i livelli sono in crescita verso la soglia di attenzione grazie al contributo degli affluenti minori. Nel Torinese i corsi d’acqua sono in crescita fino ad una situazione di moderata criticità; restano prossimi ai valori di attenzione i livelli del Sesia e del Cervo. Incrementi più contenuti, al di sotto dei livelli di attenzione, nei settori alpini occidentali del Cuneese e nel Toce. A monte di Torino i livelli del Po sono in crescita verso valori di attenzione, a valle della città gli incrementi sono più consistenti grazie al contributo degli affluenti. Durante la notte nella sala operativa della Protezione civile regionale non sono arrivate segnalazioni dal territorio. Le piogge rimarranno intense sul settore nordoccidentale ed occidentale per la mattinata di oggi, mentre una decisa attenuazione è attesa dal pomeriggio. Massimi locali più intensi (attorno a 60-70 mm in 6 ore) sono attesi sulle zone delle Alpi Cozie e Marittime. Pertanto, i livelli idrometrici del Tanaro si manterranno prossimi alla moderata criticità ed incrementi più contenuti verranno registrati nei corsi d’acqua del Verbano, Vercellese e Biellese. In provincia di Torino gli affluenti del Po, dal Pellice alla Dora Baltea, raggiungeranno valori di moderata criticità; conseguentemente, i livelli del fiume saranno in crescita fino alla soglia di attenzione ed i valori massimi verranno raggiunti a Torino dalla serata odierna.

00:31 Il Centro funzionale regionale annuncia che le precipitazioni nelle ultime ore si sono attenuate. I valori massimi si sono toccati a Barge, Pamparato e San Damiano Macra, nel Cuneese. Le nevicate hanno permesso l’accumulo di neve al suolo, fino ai 130 cm del Passo del Moro, nell’Ossola. Anche la portata dei fiumi ha risentito di questa diminuzione. Le piogge riprenderanno nella notte e si prevede che entro le 8 di domenica raggiungeranno valori elevati, con picchi di 120 mm in Valsesia e nelle valli Cervo, Chiusella, Orco, Lanzo, Sangone, Susa, Chisone, Pellice e Po. Fino alle 18 si prevedono poi precipitazioni intense dalle valli di Lanzo al Cuneese. I corsi d’acqua, Po compreso, dovrebbero attestarsi su livelli di moderata criticità. Ad Alessandria sono stati disposti gli sgomberi cautelativi per circa 300 persone che abitano lungo l’asta del Po.