Regione Piemonte: si aspetta una raffica di avvisi di garanzia per i consiglieri regionali

palazzo_lascarisDopo le prime analisi del rapporto della Guardia di Finanza sui rimborsi dei gruppi consigliari non dovrebbero esserci speranze che qualcuno si salvi fra i consiglieri dal ricevere un avviso di garanzia per aver usato almeno una volta soldi del gruppo politico in regione per spese che gli inquirenti non vengano considerate non corrette. Ci si aspettano avvisi si garanzia per tutti i consiglieri oggetto di verifiche oltre che per due parlamentari del Pd, Stefano Lepri e Mino Taricco, che si sono dimessi dalla carica in regione per passare in parlamento. Potrebbe arrivare anche un avviso di garanzia allo stesso Davide Bono del  Movimento 5 Stelle. Bono ha  spiegato in una mail che “Né io né Fabrizio Biolé abbiamo mai avuto un pranzo o una cena rimborsata con soldi pubblici o dei progetti. Sta invece girando una falsa notizia da domenica e cioè che nel gruppo del m5s ci sarebbe stato un rimborso per una cena solitaria di un consigliere. Questa cosa è assolutamente falsa e calunniosa”.

In pratica tutti i gruppi consiliari in diverso modo hanno  usato il denaro regionale per accrescere i loro stipendi imputando rimborsi su spese che ben poco hanno a che fare direttamente con la politica o l’amministrazione pubblica.