Elezioni 2014 in Piemonte: come si vota per le elezioni regionali ed europee del 25 maggio

REGIONALI 2010: OPERAZIONI DI VOTOIl 25 maggio 2014 si terrà un nuovo election day per il Piemonte con le elezioni Europee e amministrative che riguarderanno la regione Piemonte e molti comuni.  Il sistema elettorale del Piemonte prevede un turno unico, senza ballottaggio. La nuova legge elettorale regionale presenta una nuova ripartizione delle circoscrizioni dei 40 seggi piemontesi in base al numero dei residenti: 21 a Torino, 5 a Cuneo, 4 ad Alessandria, 3 a Novara, 2 a Biella, Asti, Vercelli, 1 nel Verbano-Cusio-Ossola, mentre i rimanenti 10 verranno assegnati col maggioritario e collegati al listino del candidato presidente. In tutto ci saranno 51 eletti: 50 consiglieri più il governatore.

Per le elezioni regionali in Piemonte l’elettore può esprimere la sua scelta tracciando un segno sul nome del candidato presidente, senza dare  preferenza ai partiti. Si può anche  scegliere un partito senza indicare alcun candidato, in questo modo il voto viene attribuito al candidato a cui la lista scelta è collegata. E’ possibile anche, esprimere la preferenza scrivendo il nome e cognome o anche solo il cognome del candidato consigliere. Si può infine anche seguire la strada del voto disgiunto.

Per le elezioni europee il Piemonte fa parte della circoscrizione Nord-occidentale che comprende Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia e Piemonte che elegge 20 europarlamentari su 73 totali eletti in Italia. L’elettore riceve una scheda di colore diverso a seconda della circoscrizione di appartenenza e vota con una x sul partito a cui vuole dare il voto e  può esprimere voti di preferenza fino a un massimo di tre, indicando il cognome del candidato. Il sistema è proporzionale con soglia di sbarramento al 4%.

Lo speciale Elezioni 2014 di Quotidiano Piemontese.