Asta record in California: Ferrari del ’62 venduta per 38 milioni di dollari

ferrari-250-GT-Berlinetta-Tour-de-France-fornt-side-viewÈ diventata l’auto più cara della storia. A Monterrey, in California, una Ferrari 250 Gran Turismo Berlinetta del 1962 è stata messa all’asta e ad aggiudicarsela è stato un facoltoso compratore che ha sborsato la bellezza di 38 milioni di dollari. Al cambio attuale sono più di 28,3 milioni di euro, una cifra enorme, giustificata dal fatto che quello specifico modello fa parte di una delle speciali 39 Ferrari Gto disegnate dalla carrozzeria Scaglietti e mai prodotte in serie. In particolare, la Berlinetta venduta era di proprietà del pilota francese Henri Oreiller, già medaglia d’oro di sci alle Olimpiadi di St. Moritz nel 1948. Oreiller vinse sia la discesa libera che la combinata nordica (più un bronzo nello slalom speciale), ma negli anni successivi si dedicò alle corse automobilistiche. Il brivido della velocità lo tradì il 7 ottobre del ’62 quando, proprio alla guida di una Ferrari 250 Gran Turismo, morì in un incidente sul circuito di Montlheéry, durante il Gran Premio di Parigi. In realtà il prezzo finale a cui il banditore ha “battuto” la macchina è di 34,65 milioni di dollari, ma, considerando anche la percentuale fissa del 10% dovuta dal compratore, si arriva ai 38 milioni.
Dopo l’asta californiana è dunque italiana l’auto più cara mai venduta, con il modello del cavallino rampante che ha superato la Mercedes W196 aggiudicata lo scorso anno in Inghilterra per “soli” 30 milioni di dollari, poco più di 22 milioni di euro.



In questo articolo: