Nuova ricerca: il sangue sulla Sindone è vero e di un uomo che è stato torturato

A meno di un mese dalla pubblicazione di uno studio secondo cui la maggior parte delle macchie di sangue presenti sulla Sindone sarebbero false, arriva un nuovo studio, pubblicato su Applied Optics da un gruppo di lavoro italiano guidato Paolo Di Lazzaro, dell’Enea, vicedirettore del Centro Internazionale di Sindonologia.

Secondo il nuovo studio le macchie sul telo sono effettivamente di sangue e sono rosse e non marroni (come dovrebbero essere per del sangue molto vecchio) perchè il telo è stato esposto a raggi ultravioletti. Inoltre nel sangue del telo è stata trovata la metaemoglobina, prodotto della degradazione dell’emoglobina fortemente ossidata e invecchiata, a conferma che si tratta di sangue antico e ricco di bilirubina, presente nelle persone percosse duramente



In questo articolo: