Si sveglia dopo 3 mesi di coma e scopre di essere accusato di omicidio

Un uomo di 67 anni, Antonino Paratore, si è svegliato dopo tre mesi di coma ed ha scoperto di essere accusato di omicidio. Paratore, lo scorso 19 maggio, aveva avvelenato la sorella cieca dalla nascita facendole bere acido muriatico e poi aveva tentato di togliersi la vita allo stesso modo.

La donna, 73 anni, era cieca e gravemente invalida dalla nascita. Lui aveva avuto problemi psichiatrici. Vivevano insieme. Paratore aveva programmato di finire la vita di entrambi acquistando diversi flaconi di acido muriatico e costringendo la sorella a berne uno. Poi lui aveva fatto lo stesso ma aveva vomitato perdendo poi i sensi. Ricoverato, gli è stata salvata la vita. Ora però, dopo tre mesi di coma, dovrà rispondere di omicidio volontario.



In questo articolo: