Fermato a Torino: aveva flusso di denaro di 140 mila euro, proventi di truffe in tutta Europa

Nei giorni scorsi, personale della Polizia di Stato Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Torino ha fermato un cittadino nigeriano mentre stava prelevando una cospicua somma in contanti, di provenienza sospetta. Il conto da cui stava effettuando il prelievo era già sotto l’attenzione degli organi bancari. All’arrivo dei poliziotti, l’uomo ha cercato di interrompere le operazioni per non destare sospetti.

Su disposizione della procura sono state analizzate le entrate sul conto, che ammontano a 140 mila euro, frutto di truffe nella compravendita di materiale plastico e nelle cosiddette “love scam”.

Soggetti non ancora identificati si fingevano imprenditori italiani per ottenere dagli acquirenti un acconto del 10% sul valore della merce. Dopo la transazione, si dileguavano. Poi versavano sul conto italiano i soldi che venivano immediatamente prelevati dai titolari dei depositi.

Le “love scam”, invece, venivano inscenate ai danni di persone del Nord Europa, contattate sui social network o sui siti d’incontri, a cui, dopo aver carpito la fiducia, venivano chieste ingenti somme di denaro.

L’indagine della Polizia Postale e delle Comunicazioni insieme alle Poste Italiane ha permesso di fermare il malvivente con l’accusa di riciclaggio, interrompendo l’attività criminale in corso e recuperando parte dei soldi. Stanno cercando ora gli eventuali complici.