Studio dell’Università di Torino: “L’olio di Canapa Sativa diminuisce il rischio cardiovascolare”

L’uso di un integratore nutrizionale a base di olio di semi di canapa sativa può aiutare nella modulazione dell’iperlipidemia: è questo il risultato dello studio condotto presso il dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche dell’Università di Torino, sotto la supervisione della professoressa Ornella Guardamagna.

L’incremento dei livelli di colesterolo e/o di trigliceridi, per lo più associati a disordini del metabolismo lipoproteico, rappresenta un fattore di rischio cardiovascolare. Queste alterazioni, se presenti nei giovani e sin dell’età pediatrica, costituiscono un fattore aggravante ulteriore in quanto indice di possibili patologie ereditarie, geneticamente trasmesse. Tali condizioni sono correlate a malattia coronarica e infarto miocardico anche in giovani e adulti. Una diagnosi precoce e un intervento terapeutico personalizzato, e mirato al controllo di tali parametri, costituiscono la migliore strategia di prevenzione di eventi cardiovascolari futuri. Nella pratica clinica, oltre alla correzione dello stile di vita e all’utilizzo di farmaci, le opzioni terapeutiche si basano anche sull’impiego di integratori alimentari la cui efficacia sia provata da studi scientifici e autorizzata da agenzie regolatorie tra cui l’European Food Safety Authority (Efsa).

È in quest’ottica che si colloca lo studio dell’Università di Torino. Condotto secondo validi criteri scientifici, è il primo nel suo genere al mondo eseguito sugli esseri umani: è stato svolto con la somministrazione di Alfalife, un integratore a base di olio di canapa sativa, ricco di acidi grassi polinsaturi – in particolare acido linoleico (LA) e acido alfa-linoleico (ALA) – prodotto da Freia Farmaceutici, Pmi milanese specializzata nello sviluppo di soluzioni terapeutiche derivanti da semi di canapa sativa privi di sostanze psicotrope. Bambini e adolescenti, in totale 36 di età compresa tra i 6 e i 16 anni, hanno assunto per 8 settimane 3 grammi dell’integratore a base di olio di canapa sativa che ha fornito loro 700 mg di acido alfa-linoleico e 1400 mg di acido linoleico, dimostrando una ottima adesione allo studio e tollerabilità dell’integratore.

LEGGI ANCHE Al Gradenigo la terapia fotodinamica per bruciare il tumore alla prostata

Già in passato il ruolo dei derivati dell’olio di canapa sativa era stato valutato in alcuni modelli animali risultando efficace nella modulazione dell’iperlipidemia e dell’ aggregazione piastrinica, mentre solo due sono gli studi pilota eseguiti sugli esseri umani. Quello condotto dall’Università di Torino è pertanto il primo studio al mondo volto a valutare gli effetti di otto settimane di integrazione con olio di canapa sativa sulla composizione degli acidi grassi presenti nella membrana fosfolipidica dei globuli rossi e sul profilo lipidico sierico in bambini e in adolescenti con iperlipidemia primaria.

I risultati dello studio sono stati particolarmente incoraggianti e coerenti con il miglioramento di parametri di rischio cardiovascolare: il trattamento terapeutico, infatti, ha ridotto i livelli di colesterolo LDL nel gruppo sottoposto al trattamento con integratore e ridotto significativamente il contenuto degli acidi grassi saturi e monoinsaturi dei globuli rossi aumentando invece i livelli di acidi grassi polinsaturi Omega 3 e Omega 6 e l’indice Omega 3.

“Pur trattandosi di un primo studio preliminare, le prospettive di intervento terapeutico con l’integratore oggetto dello studio rappresentano un importante passo avanti nel trattamento di patologie a lungo silenti ma potenzialmente severe”, ha commentato la professoressa Ornella Guardamagna dell’Università di Torino. “Un aspetto non trascurabile è l’assenza di effetti collaterali del trattamento utilizzato. Quest’ultimo rappresenta un elevato valore aggiunto e un fattore di miglioramento delle cure e della qualità della vita dei giovani pazienti e apre a nuove prospettive di ricerca clinica nel trattamento di patologie dismetaboliche anche in età pediatrica”.