Truffava anziani convincendoli di aver vinto catenine e crocifissi

I Carabinieri della Stazione di Bagnasco hanno rintracciato nel comune di Ceva un uomo ritenuto responsabile di sostituzione di persona e di diverse truffe aggravate ai danni di persone anziane.
Nella stanza del Bed & Breakfast del cebano ove stava soggiornando, i militari hanno rinvenuto 67 orologi e altrettanti gioielli, tra catenine, crocifissi e rosari, tutti in finto oro. Si tratta del materiale utilizzato dall’uomo per raggirare le sue vittime, delle quali otteneva la fiducia presentandosi come funzionario INPS incaricato del recapito di un premio da parte dell’ente, consistente in uno dei finti gioielli sequestrati. Una volta entrato nelle abitazioni delle anziane vittime, l’uomo riusciva con molta abilità a convincere le stesse a ricevere anche gli orologi, spacciandoli per oggetti di pregio e chiedendo in cambio somme di denaro di gran lunga superiori al loro reale valore del manufatto.
Sono numerosi i casi contestati al soggetto in tutta Italia, gli ultimi dei quali in Sardegna, dove lo stesso, 53 enne di Napoli, risulta indagato per truffa aggravata e sostituzione di persona dalla Procura della Repubblica di Nuoro.
L’uomo aveva prenotato una stanza nella struttura ricettiva di Ceva per una decina di giorni al fine di perpetrare analoghe truffe nella provincia di Cuneo.



In questo articolo: