Arrestato a Feletto canavese subito dopo aver svaligiato un appartamento

I Carabinieri della Compagnia di Ivrea hanno arrestato in flagranza di reato, un giovane di 23 anni, fuggito con alcuni complici a bordo di un’autovettura rubata, dopo aver saccheggiato un appartamento.

E’ accaduto nella serata di mercoledì 20 novembre, nel territorio del comune di Feletto, quando i militari dell’Arma venivano allertati a seguito della consumazione di un furto all’interno di una abitazione, ove era stata segnalata la presenza di tre malviventi intenti ad allontanarsi alla guida di una autovettura di colore scuro.

Prontamente attivate le pattuglie in servizio perlustrativo, poco dopo, un equipaggio del nucleo radiomobile della Compagnia di Ivrea intercettava lungo la SS 460, un veicolo sospetto, con a bordo tre soggetti e dopo averne riconosciuto la targa, diramata giorni addietro a seguito di un furto operato nel comune di Caluso, invertiva prontamente la marcia, ponendosi al suo inseguimento.

Nella circostanza, i fuggitivi decidevano ben presto di abbandonare il mezzo sul ciglio della strada, venendo inseguiti a piedi, nei campi, dai militari, che riuscivano ad acciuffare un malvivente, mentre i due complici facevano perdere le loro tracce.

Nel marsupio del fermato venivano rinvenuti attrezzi da scasso dallo stesso utilizzati per introdursi sia all’interno dell’appartamento di Feletto sia, poche ore prima, in altra abitazione attigua (non riuscendo in questo caso ad asportare nulla), mentre all’interno del veicolo abbandonato venivano recuperati numerosi capi di abbigliamento, sottratti dai malviventi all’interno dell’appartamento e restituiti al legittimo proprietario. Nel video i materiali sequestrati

Fermato dopo aver svaligiato appartamento a Feletto

Il materiale recuperato dai carabinieri dopo aver fermato un giovane che aveva appena svaligiato un appartamento a Feletto Canavese.Dettagli su http://bit.ly/2XyOKOx

Posted by Quotidiano Piemontese on Thursday, November 21, 2019

Su disposizione della Procura di Ivrea l’uomo veniva tratto in arresto e condotto presso il carcere di Ivrea, in attesa dell’udienza di convalida.

Le indagini, al momento, sono ancora in corso, sia per risalire ai complici che per accertare le responsabilità in merito ad analoghi eventi consumati nel recente periodo, nel territorio canavesano.



In questo articolo: